Roland von Faber-Castell, erede Ottilie/ 50 anni alla guida dell’azienda di matite

- Josephine Carinci

Chi era Roland von Faber-Castell, figlio di Ottilie Von Faber-Castell e del conte Alexander. L’uomo fu per 50 anni alla guida della nota azienda tedesca

Roland von Faber-Castell
Roland von Faber-Castell

Chi era Roland von Faber-Castell?

Roland von Faber-Castell, erede di Ottilie Faber e del conte Alexander Castell, guidò l’omonima fabbrica per cinquant’anni. Dalla morte di suo padre Conte Alexander, il Conte Roland, nato nel 1905 e morto nel 1978, rilevò l’azienda e la guidò per mezzo secolo, attraversando anche periodi turbolenti. Come in ogni impresa, infatti, non mancarono i momenti difficili. Nonostante questo, l’azienda riuscì a rimanere in pieni anche nei periodi più difficili, come quelli attraversati durante le due Guerre Mondiali.

Il conte Roland nacque dall’amore tra Ottilie von Faber-Castell e Alexander: dopo il loro matrimonio, la fabbrica assunse il nome congiunto e cambiò logo. I due ebbero tre figlie e nel 1905 la coppia finalmente diede alla luce il tanto atteso figlio maschio, Roland. I due avevano già avuto un altro figlio maschio, Wolfgang, nato nel 1902, ma morto dopo appena pochi mesi dalla nascita. Dopo la separazione dei genitori, avvenuta nel 1916 a causa della lontananza di Alexander, trasferitosi in Belgio allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, le quote di Ottile, risposata in seconde nozze, passarono proprio a Roland. Fu poi lui a prendere la guida dell’azienda dopo la morte del padre.

Roland von Faber-Castell: le passioni

Il conte Roland von Faber-Castell era appassionato di auto sportive e aveva un legame molto stretto con i cavalli. Fin dalla tenera età, infatti, ha praticato equitazione. Il suo cavallo preferito era lo stallone Lipizzaner “Kanonier”, regalatogli dalla direttrice di circo Trude Sarrassani dopo che lui l’aveva aiutata a salvare gli animali dall’occupazione sovietica di Dresda nel periodo post-bellico. Il conte Roland von Faber-Castell ebbe figli da due matrimoni. In seconde nozze sposò Katharina Sprecher von Bernegg, proveniente da una delle più antiche famiglie del Cantone dei Grigioni.

L’azienda crebbe in modo esponenziale sia con Alexander Von Faber-Castell che con Ronald. Neanche le due guerre mondiali fermarono la Faber-Castell, che aprì nuove fabbriche in Australia, Austria, Perù e Argentina. Oggi la marca è diffusa in più di 120 paesi ed è considerata una delle migliori nell’ambito della produzione di materiali per disegno e non solo. Attualmente la Faber Castell è tra i principali produttori di pastelli, carboncini, gomme, acquerelli, penne, pastelli a cera e a olio, blocchetti per disegno, mine e portamine e ovviamente matite.





© RIPRODUZIONE RISERVATA