Roma Eur in “lockdown”: cantieri abbandonati/ Striscia, Rosati “lavori riprenderanno”

- Emanuela Longo

Roma, il quartiere Euro in “lockdown”: monumenti e palazzi chiusi e abbandonati, il servizio oggi a Striscia la notizia. Parla l’ad Rosati

riccardo trombetta striscia la notizia 640x300
Riccardo Trombetta, Striscia la Notizia

Nella puntata di stasera del Tg satirico di Canale 5, Striscia la Notizia, l’inviato Riccardo Trombetta sarà a Roma per parlarci di un emblematico caso di “lockdown” e di totale abbandono nel quale vertono molti palazzi nonché monumenti di pubblico interesse dell’Eur. Una situazione che, stando alle testimonianze raccolte la situazione di abbandono si protrarrebbe ormai da diverso tempo. Attraverso le immagini del servizio che vedremo questa sera e che hanno immortalato la situazione all’interno del noto quartiere romano, molti monumenti popolari sono circondati da transenne con cantieri solo all’apparenza fermi ma nella realtà abbandonati.

All’interno del quartiere ispirato all’urbanistica classica romano, sono tanti i monumenti, dal Palazzo della Civiltà Italiana, il famoso “Colosseo Quadrato”, così come il Palazzo dei Congressi, il Museo della Civiltà Romana e lo spettacolare colonnato adiacente il Museo dell’Alto Medioevo, ridotti tutti nella medesima situazione di abbandono.

ROMA EUR IN “LOCKDOWN”: SERVIZIO STRISCIA LA NOTIZIA

Un “lockdown… alla romana”: così è stato definito lo stato in cui verte attualmente il quartiere Eur a Roma, stasera protagonista di uno dei servizi in programma a Striscia la Notizia. Tra i monumenti segnalati ed in stato di abbandoni, viene citato anche il Nuovo Centro Congressi dell’archistar Massimiliano Fuksas, meglio noto come “Nuvola”. Si tratta di un progetto già al centro delle contestazioni per via del discutibile rapporto costi-utilità. Ad oggi risulta ancora transennato ed inaccessibile al pubblico. Alla luce della situazione, l’inviato del Tg satirico, Riccardo Trombetta, ha voluto chiedere spiegazioni all’amministratore delegato di Eur Spa Antonio Rosati, in carica da appena cinque mesi. Nonostante questo l’ad si è impegnato a far ripartire tutti i lavori di restauro ad oggi bloccati: “Proveremo a smantellare tutto. Entro il 30 marzo toglieremo la recinzione al Palazzo della Civiltà Italiana. Anche la Nuvola diventerà una grande “agorà” nel giro di qualche mese, mentre per il Palazzo dei Congressi il cantiere riprenderà i lavori che dureranno diciotto mesi”, ha promesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA