CRONACA/Sgominata la “banda delle griffe”. In manette quattro studenti, tre dei quali minorenni

- La Redazione

Tre minorenni e un maggiorenne, tutti studenti nella zona di Tor Carbone, minacciavano i loro coetanei con coltelli

volante_polizia_R400_4ott10
Immagine d'archivio

Quattro studenti, tre dei quali ancora minorenni, denunciati in stato di libertà per rapina aggravata e continuata. Al maggiorenne è stato contestato anche il reato di ricettazione. I quattro erano stati ribattezzati nella zona di Tor Carbone, dove agivano, la “banda delle griffe”. I quattro, infatti, minacciavano alcuni loro coetanei di fargli passare un brutto quarto d’ora se non gli avessero consegnato cellulari, scarpe di valore, gioielli, abiti rigorosamente firmati.

Sono bastati alcuni appostamenti da parte delle forze dell’ordine per individuare e bloccare due di loro all’interno di un centro commerciale della zona. Uno di loro, italiano, aveva nello zaino due lame: un coltellino multiuso e un coltellaccio di notevoli dimensioni, che gli è costata la denuncia per porto abusivo di arma da taglio. Entrambi avevano indosso scarpe, abiti e cellulari frutto delle loro estorsioni. Dopo alcuni interrogatori, gli agenti sono arrivati anche agli altri due responsabili, un ragazzo moldavo, l’unico maggiorenne, e un altro di nazionalità italiana ma originario del Pakistan, compagni di scuola nello stesso istituto.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SULL’ARRESTO DI QUATTRO GIOVANI RAPINATORI

La polizia ha recuperato così gran parte degli oggetti rubati, tra i quali sono stati trovati molti gioielli d’oro, mentre altri erano già stati venduti ad ignari acquirenti. La ricerca continua tutt’ora.

 

Le indagini sono partite dopo la denuncia di alcuni genitori di ragazzi che frequentano gli istituti della zona, dopo aver ricevuto dai loro figli numerose lamentele riguardo alle estorsioni portate a termine dai quattro della banda. Il commissariato ha annunciato che il caso non è stato ancora archiviato: gli stessi quattro ragazzi potrebbero essere responsabili di alcuni altri reati compiuti nell’area negli ultimi mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori