SCIENZA/ Letta e Vendola presentano GenEticaMente, polo di ricerca a Ladispoli

- La Redazione

L’obiettivo è creare un polo di ricerca sulle bioscienze che sia di riferimento per tutti il Mediterraneo. Alla presentazione della fondazione di Mario Capanna anche Gianni Letta e Nichi Vendola

Vendola_Nichi_PugliaR375
Nichi Vendola

LETTA E VENDOLA PRESENTANO GENETICAMENTE, LA FONDAZIONE DI RICERCA DI MARIO CAPANNA – L’obiettivo è ambizioso: creare a Ladispoli un polo di ricerca sulle bioscienza che sia d’avanguardia e di riferimento per tutto il Mediterraneo. Il progetto si chiamerà “GenEticaMente”, o Polo euro-mediterraneo di ricerca scientifica partecipata, alta formazione, comunicazione nel settore delle biotecnologie. Sono arrivati a presentarlo – oggi, nella sede della Fondazione Diritti genetici presieduta da Mario Capanna – il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta e il governatore della Puglia Nichi Vendola.

Capanna, già leader del movimento studentesco e parlamentare con Democrazia proletaria, ha spiegato: «È un progetto strategico di grande respiro che farà assumere all’Italia un ruolo d’avanguardia nel campo delle bioscienze, sia a livello europeo sia nei confronti dei Paesi della zona Sud e Est del Mediterraneo. GenEticaMente aprirà una nuova frontiera nella ricerca scientifica italiana ed europea, quella delle biotecnologie sostenibili alternative agli Ogm (che tante polemiche e conflitti sociali e politici hanno creato) e quella della ricerca partecipata, che vede il coinvolgimento della società nelle scelte che riguardano l’innovazione».

L’ASSENZA DI ALEMANNO E ZINGARETTI, CONTINUA A LEGGERE CLICCANDO SULLA FRECCIA

«Bene è la collaborazione con il Comune e la Regione – ha commentato Gianni Letta –. Spero che anche la Provincia di Roma aderisca». Più esplicito capanna nel tirare in ballo il presidente della Provincia Nicola Zingaretti: «Raggiungemmo per tempo Zingaretti ma abbiamo avuto risposte elusive. Speriamo che la Provincia si renda conto della lacuna e che voglia entrare in questo progetto straordinario».

 

L’ex leader studentesco non ha risparmiato però una frecciata neppure al sindaco Alemanno: «Oggi (è) assente ingiustificato, perché aveva detto fino all’ultimo che sarebbe stato qui».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori