VIA POMA/ Raniero Busco condannato a 24 anni per l’omicidio di Simonetta Cesaroni

- La Redazione

Raniero Busco è stato condannato a 24 anni per l’omicidio dell’allora fidanzata Simonetta Cesaroni

ranierobuscor400
Raniero Busco

Raniero Busco è stato condannato a 24 anni per l’omicidio dell’allora fidanzata Simonetta Cesaroni

Raniero Busco è stato condannato a 24 anni per il delitto di via Poma, per l’omicidio dell’allora fidanzata Simonetta Cesaroni, massacrata il 7 agosto 1990 con 29 colpi di tagliacarte. La sentenza è stata emessa dalla III Corte d’Assise presieduta da Evelina Canale, giudice a latere Paolo Colella, più i sei giudici popolari. A Busco è stata riconosciuta l’aggravante della crudeltà, bilanciata tuttavia dalle attenuanti generiche.

E’ stato condannato anche ad un risarcimento di 100 mila euro per la sorella di Simonetta e 50 mila per la madre. Busco, durante la sentenza nell’aula bunker del carcere di Rebibbia a cui era presente, ha avvertito un malore Mentre ne veniva data lettura, il fratello, presente anch’egli in aula, ha urlato: «ma che state a dì», mentre dal pubblico presente in aule si levavano dei “no” di protesta in favore di Busco.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

Il pm Ilaria Calò aveva chiesto l’ergastolo, adducendo come prova, in particolare, un morso trovato sul corpo della vittima, con tracce di dna compatibili con quello di Busco.

 

Federica Molinari e Massimo Lauro, legali di parte civile della sorella della vittima, invece, avevano incentrato le repliche sulla personalità di Raniero Busco che «in tutti questi anni non si è mai fatto vivo con la famiglia e al funerale di Simonetta non si è neanche avvicinato per le condoglianze». Paolo Loria, legale di Raniero Busco, dal canto suo, ha dichiarato: «L’elemento che più ha pesato, potrebbe essere stato il morso». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori