DIMISSIONI BERLUSCONI/ La festa triste di un’Italia divisa tra Montecchi e Capuleti

- Monica Mondo

Sotto il cielo di Roma è andato in scena uno spettacolo in cui gioia e odio erano due facce della stessa medaglia alla notizia dell’addio di Silvio Berlusconi. Il commento di MONICA MONDO

berlusconi_pupazzo2R400
Il pupazzo di Silvio Berlusconi

C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole di Roma, anzi d’antico. Piazze in festa, in odio contro Berlusconi. Con una piazza è finita la Prima Repubblica, con una piazza finisce la Seconda, se è mai cominciata. Effetti del bipolarismo, si dirà. Se catalizzi l’azione politica su due poli opposti crei ostilità, rivalse. O di qua o di là, e non importa se la realtà è un’altra, perché le sfumature contano, e non ci sono blocchi monolitici ad accogliere serenamente tutti. Hanno molto più in comune Alfano, Letta (uno e due), Lupi e Casini che non i rispettivi con Vendola e Di Pietro, con Verdini o Dalla Vedova, o lo stesso Bossi. Perché non si è costruito su queste unità, invece che sulle contrapposizioni forzose, legate solo a logiche di numeri e potere? Così si dà la stura agli slogans, alle fazioni di contestatori e sostenitori e così abbiamo visto i cortei, le sbandierate, i cori inneggianti alla liberazione di sabato sera. Sono sgradevoli in sé, non si infierisce su un nemico vinto. Non importa se guelfi e ghibellini, Montecchi e Capuleti segnano la storia di tante piazze e dell’unica Italia.
Un tempo ingabbiavano pure i condannati a essere rosi dai corvi, non è necessario e  fatale essere stupidi e violenti. Che poi, quel nemico, non è stato vinto, questo è il punto. Il governo Berlusconi non è stato battuto da una sinistra che non ha programmi né progetti futuri ed è sopravvissuta solo grazie all’odio contro Berlusconi. E’ stato battuto da una curiosa convergenza economico-finanziaria, che non consentiva altra via d’uscita che Monti, guarda caso. Uno degli amici degli amici degli amici, di qua e di là dall’oceano.
E’ stato battuto dalle sue inadempienze, dalle sue contraddizioni. Quel che si deve fare, va fatto, e non si può menare il can per l’aia in Europa giurando riforme che  non puoi attuare, pena perdere pezzi di fedelissimi e alleati. La cosa strana però è che quelle piazze di indignados festanti quelle riforme non le vorrebbero, non le vorranno. Che le loro rabbie  e frustrazioni , represse per qualche mese, dovranno trovarsi un altro bersaglio, che sia Monti o  Renzi, chissà. Non è la ragione a muoverli, neanche le tante ragioni spicciole: come allo stadio, e li disgusterbbe il paragone, hanno bisogno di insulti, corna e sputi.
Come al Colosseo, devono usare il pollice, per decretare la sopravvivenza o la morte di un avversario. Non gliene importa nulla del bene comune, delle sorti del paese, dell’economia europea. Volevano la morte del capro espiatorio (sono diverse dalle folle che hanno violentato e sbranato Gheddafi e i suoi uomini? Quelli erano in guerra, ci hanno messo un po’ più di energia, ma il principio è lo stesso).

Folle Aizzate colpevolmente, ma è da quel dì, da capipopolo in doppiopetto che sibilano odio dagli schermi tv e giornali, mentre fingono di prendersi sulle spalle il pesante fardello delle responsabilità per affrontare le emergenze e costruire un’alternativa di solidarietà. Sperano che ci crediamo? 
La positività però c’è: esistono uomini, di qua e di là, che sopportano, sospirano, poi si tirano su le maniche e hanno intenzione di mettersi a lavorare. Hanno bisogno di noi, anche per far la guardia alle piazze. Non per contrappore un’ideologia a un’altra. Non per ribattere con la dialettica. Ci vogliono opere, fatica, intelligenza, e anche il coraggio di giudicare. Domani, quando torniamo in ufficio o a scuola, non temiamo di essere considerati filoregime se critichiamo le orde coi clacson pigiati del Lungotevere, le file davanti a Palazzo Chigi a tirar monetine. Non abbiamo paura. Guai a pensare che è meglio non alzare la voce, lasciar correre, tanto poi passa. Non passa, peggiora.  



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori