VIDEOGIOCHI/ Domani prima edizione di “Archeoludica”, convention sul retrogaming

- La Redazione

La prima edizione di Archeoludica, convention di videogiochi a ingresso gratuito, per rispoprire la storia dei videogame.

sapienza_lettereR400
Foto: Imagoeconomica

Chi non ricorda con nostalgia i vecchi tempi di “Desk Invaders”, “Pacman” e dei primi “Donkey Kong”? Domani – nel Centro Congressi del Dipartimento di Scienze della Comunicazione de “La Sapienza”, presso Via Salaria 113 – si terrà la prima edizione di Archeoludica, convention di videogiochi a ingresso gratuito, nata dall’esigenza di fornire a tutti gli appassionati e gli studiosi di arte video ludica un modo semplice e divertente per guardare indietro, alla storia del mezzo.

Archeoludica è la prima manifestazione di retrogaming in Italia organizzata con patrocinio di Università pubbliche e enti privati. Allestita grazie allo sforzo congiunto della società Oni Communication e de “La Sapienza” di Roma, essa si configura come una grande esposizione d’hardware informatico che tra postazioni, di prova e non, comprenderà alcuni tra i pezzi più pregiati e più significativi della storia del videogioco. Gli ospiti della manifestazione avranno infatti l’opportunità non solo di ammirare dei veri e propri pezzi da museo ma potranno anche toccarli con mano, giocando ai giochi che hanno reso grande un mezzo entrato, a pieno titolo, nella pop culture italiana e internazionale.

CONTINUA A LEGGERE DELLA CONVENTION SUL RETROGAMING, CLICCA SULLA FRECCIA

Nella stessa cornice sarà organizzata, da uno staff di esperti, Confeludica una serie di incontri coi più importanti nomi del settore videoludico italiano, che tenteranno di inquadrare la situazione del videogioco nel nostro paese e di rispondere alle domande di studenti, videogiocatori e curiosi.

 

Archeoludica e Confeludica si pregeranno inoltre di due mostre d’arte, organizzate grazie alla collaborazione della società francese Ankama e dell’associazione culturale Neoludica. Grazie ad esse gli spazi del congresso saranno trasformati in un vero e proprio museo, dove sarà possibile ammirare disegni preparatori, arte video ludica e vere e proprie tele che si rifanno al mondo del gioco digitale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori