RAPINA/ Roma, arrestato il mago del travestimento

Aveva rapinato due banche con parrucche ed occhiali da sole e nascondeva in casa una botola in caso di fuga. Al terzo tentativo, è stato arrestato il romano di 23 anni

06.04.2011 - La Redazione
VOLANTER400
Roberto Ceccarelli è stato ucciso nel quartiere Prati a Roma

Parrucche e occhiali da sole. Un ragazzo romano di 23 anni adottava particolari travestimenti per le sue rapine effettuate negli ultimi due anni tra Roma e L’Aquila. Con la prima parrucca nera e armato di coltello, entrò in una banca di Piazza San Emerenziana il 28 maggio 2010, facendosi consegnare circa 19.000 euro. Stessa modalità per la seconda rapina, anche se con parrucca bionda e travestimento da meccanico. Obiettivo della rapina, un istituto di credito in zona Prenestina e un bottino meno abbondante di circa 4000 euro. Gli inquirenti acquisiranno le immagini delle telecamere a circuito chiuso, la Polizia Scientifica rileverà le impronte ma il rapinatore risulterà incensurato. Il giorno del terzo colpo però, qualcosa non va nel verso giusto e il giovane mago del travestimento viene arrestato dagli agenti della Squadra Mobile insieme ad altri tre suoi complici, dopo aver tentato di rapinare un istituto di credito nei pressi dell’Aquila, indossando oltre alla solita parrucca anche un paio di occhiali da sole.

Gli agenti hanno trovato coincidenze tra le varie azioni criminali e, anche grazie alle immagini delle telecamere e alle impronte digitali, sono riusciti ad incastrare il malvivente. Dopo aver perquisito l’abitazione del ragazzo, è stata anche trovata una botola ricavata nel pavimento collegata direttamente con il sottoscala da cui il rapinatore avrebbe potuto facilmente raggiungere la strada in caso di fuga.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori