MATCHING/ Mitra (Confcooperative): l’unico modo per evitare il fallimento delle Pmi

- int. Carlo Mitra

CARLO MITRA, vicepresidente di Confcooperative, commenta la giornata di Expandere With Matching al Palazzo dei Congressi di Roma: “Mai come oggi le imprese del Lazio devono fare rete”

STRETTAR400
La storia di ALA Projects (Imagoeconomica)

Tutto pronto per la giornata di EXPANDERE With Matching, prevista per oggi al Palazzo dei Congressi di Roma. Imprenditori, professionisti e piccole e medie imprese del Lazio si incontrano per conoscersi, confrontarsi, creare nuove opportunità di crescita e insieme cercare di superare la crisi. In attesa dell’evento IlSussidiario.net ha intervistato Carlo Mitra, vicepresidente nazionale della Confederazione Cooperative Italiane: «Il Matching è uno strumento per fare rete fondamentale, – commenta Mitra – e oggi tutti dovremmo essere chiamati a raggiungere questo obiettivo».

Qual è il suo giudizio sulla crisi che stiamo attraversando?

Da un punto di vista complessivo la tenuta è buona, se non altro coraggiosa. Ormai è sempre più difficile riuscire a tenere in piedi il sistema perché, in particolare a Roma, esiste una forte dipendenza dal mercato pubblico e questo problema nel ritardo dei pagamenti sta creando non poche difficoltà, con il rischio che molte realtà sane saltino proprio a causa di queste incertezze.

Quali sono le sue proposte?

Innanzitutto occorre creare una certezza dei flussi, il che non significa un immediato riallineamento dei pagamenti, ma iniziare a far sapere alle imprese che esiste un piano da trattare e gestire con le banche per raggiungere questo obiettivo. Potrebbe senza dubbio essere un segno di grande solidità che può favorire la ripresa, altrimenti l’emergenza continuerà a persistere.

Quale contributo può dare la giornata del Matching di oggi?

Si tratta di una grande novità e di un diverso approccio culturale per la realtà romana. A Milano ad esempio queste esperienze sono più mature e consolidate. Devo dire che siamo più che altro curiosi di vedere a cosa porterà questo evento.

Manca così tanto la capacità di fare rete?

C’è sicuramente una nuova sensibilità, che fino a un anno fa non esisteva e che oggi più che mai permette di confrontarsi, di creare nuove opportunità e di fare rete. Per quanto riguarda il mondo associativo, siamo ancora in quella fase di crisi che ha generato numerose fratture, ma la partita è ancora del tutto aperta.

E cosa possono fare le amministrazioni per dare maggiore sicurezza alle piccole e medie imprese?

Sicuramente qualche piccolo sforzo in più in due direzioni: da un lato, come ho già detto, garantendo i flussi dei pagamenti, dall’altro, con piccole azioni legate alla crescita e con grandi azioni invece per quanto riguarda la sburocratizzazione e un allentamento di presa della politica sull’economia.

(Claudio Perlini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori