BUS ATAC/ La scritta “Onore al duce”: polemiche e ironia su Twitter

- La Redazione

Una scritta di chiara derivazione fascista (“Onore al duce”) si di un autbus dell’azienda municipale Atac. Scoppia il caso con le polemiche verso il sindaco di Roma

alemanno_perplesso_r400
Foto Infophoto

Un Bus Atac, invece della classica scritta con la destinazione, è stato scoperto con una scritta imbarazzante. Nell’apposito spazio frontale in alto infatti, un mezzo di proprietà dell’azienda dei trasporti romana fermo fortunatamente in un deposito) recava la scritta nostalgica dell’era fascista “Onore al duce”. Immediatamente è scoppiata la polemica: il mezzo era ovviamente privo di autista ed è stato visto per caso e immortalato su una fotografia che sta facendo il giro della Rete. E’ stato un privato, un blogger, a scoprire il mezzo con la scritta di stampo fascista e chiedere all’Atac un intervento tramite la pagina Twitter dell’azienda. L’azienda ha dato subito una risposta: aperte le inchieste e le indagini interne per scoprire il responsabile di un gesto definito grave, a cui seguiranno eventuali sanzioni disciplinari. Non solo: l’azienda dice anche di star accertando se ci siano estremi di tipo penale. L’azienda municipale ha spiegato anche dove si trovi il bus diventato per un giorno famoso in tutta Italia: nella rimessa di Acilia. Lo scandalo è scoppiato oggi a Roma mentre si tiene uno sciopero del personale dei mezzi pubblici. E’ intervenuto nella questione anche il mondo della politica. Un espnente del Pd, il segretario romano Marco Miccoli, dice che un gesto del genere è frutto della politica del sindaco Alemanno cghe ha portato per via dello scandalo Parentopoli all’assunzione presso l’Atac di persone senza concorso, che sarebbero “migliaia di simpatizzanti di estrema destra”. La scritta, ha detto ancora, non è altro che il frutto del malgoverno e della gestione faziosa del sindaco Alemanno. Addirittura Miccoli definisce Alemanno vicino ai fascisti”: “Se i fascisti con Alemanno si sentono padroni della città (e anche dei suoi autobus), un motivo ci sarà” ha commentato. Su Twitter intanto si è scatenata non solo la protesta ma l’ironia. Centinaia di persone infatti da stamane stanno lanciando i loro slogan umoristici sul caso. “Spezzeremo i freni alla Grecia” dice qualcuno citando e stravolgendo gli slogan dell’era fascista. “L’otto per Casaletto fa il fascista perfetto”; “Tiriamo dritti, anche in curva”; “Taci! Il controllore ti ascolta” sono alcuni dei più divertenti. 

Proprio oggi si tiene a Rma uno sciopero di 24 ore dei mezzi pubblici proclamato dal solo sindacato Sul. C’è qualche disagio, ma le linee della metropolitana sono rimaste aperte.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori