LA SAPIENZA/ Roma, studenti in corteo contro il governo: bombe carta e tafferugli all’università

- La Redazione

Bombe carta e tafferugli questa mattina all’Università La Sapienza di Roma dove è in corso la conferenza “La natura dell’Italia” a cui partecipano molti esponenti del governo.

polizia_scontri
Foto InfoPhoto

Bombe carta e tafferugli questa mattina all’Università La Sapienza di Roma dove è in corso la conferenza “La natura dell’Italia” a cui partecipano, tra gli altri, anche i presidenti del Senato e della Camera, Piero Grasso e Laura Boldrini, insieme ai ministri Saccomanni, Orlando e Lorenzin. Circa trecento studenti di tutte le facoltà si sono dati appuntamento davanti al Rettorato per protestare, lanciando uova e petardi verso l’ingresso dell’Aula Magna dove si sta svolgendo il convegno. “L’università è di chi la vive, non di chi la distrugge”, recita lo striscione in testa al corteo. Il maggiore momento di tensione è stato raggiunto quando una bomba carta ha varcato l’ingresso dell’aula, esplodendo all’interno. Di fronte al portone chiuso, molti manifestanti hanno tentato di forzare il cordone di sicurezza delle forze dell’ordine, che hanno reagito con diverse cariche. La conferenza sulla green economy, a cui avrebbe dovuto partecipare anche il premier Enrico Letta, è stata aperta da un messaggio di Giorgio Napolitano. Sarebbero due, secondo quanto si apprende, gli studenti fermati dalla polizia tra quelli che stanno protestando.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori