ROMA/ Medico muore dopo un’autopsia. Altre tre persone contagiate da un morbo misterioso

Un tecnico della sala autoptica, Ruffino Vacca, dopo aver svolto l’autopsia su un’anziana donna malata di tumore e morta per una misteriosa malattia, è a sua volta deceduto

28.08.2013 - La Redazione
medici2R439
infophoto

Un tecnico della sala autoptica, dopo aver svolto l’autopsia su un’anziana donna malata di tumore e morta per una misteriosa malattia, è a sua volta deceduto. L’episodio, fin qui privo di spiegazione, è avvenuto all’ospedale San Giovanni di Roma. La vittima del misterioso contagio si chiama Ruffino Vacca, di 64 anni. Altre tre persone sarebbero state infettate dallo strano morbo. Il direttore generale dell’ospedale, Gianluigi Bracciale, ha spiegato che ancora non è noto il motivo dei due decessi. Sulla vicenda stanno indagando i Nas e una commissione regionale. Le altre tre persone che hanno accusato malori simili a Vacca sono un medico e un’infermiera che erano con lui al momento dell’autopsia e uno dei medici che ha operato il tecnico. «A quanto ci risulta fino a questo momento non esiste una situazione del genere nella letteratura scientifica mondiale. Fondamentale è non fare allarmismi e non andare dietro a tutte le voci – epatite fulminante, radiazioni, acqua inquinata, addirittura Ebola – che in questi giorni si sono alternate e che non fanno che alimentare confusione e preoccupazione», ha dichiarato Bracciale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori