Sciopero Mezzi Roma/ Treni, bus e metro. Trasporti Atac, Cotral e Roma Tpl, gli aggiornamenti: problemi anche sulla Tuscolana (14 novembre 2014)

- La Redazione

Sciopero dei mezzi a Roma: trasporti Atac, Cotral e Roma Tpl: a rischio bus e metro. In tilt anche la circolazione ferroviarma, ma Frecce e Italo regolarmente in servizio

Atac_Roma_Autobus_ScioperoR439
Infophoto

Ancora problemi a Roma in questa giornata segnata dalle proteste e dallo sciopero del trasporto pubblico. Dopo i disagi registrati davanti al ministero dell’Istruzione, in viale Trastevere, dove è in corso un sit-in durante il quale i manifestanti hanno occupato le due corsie di traffico, l’Agenzia per la Mobilità della capitale fa sapere che vi sono altre difficoltà di circolazione sulla Tuscolana che chiude al traffico al passaggio di un altro corteo partito da piazza di Cinecittà. In questo caso la manifestazione ha raggiunto piazza dei Consoli percorrendo via Tuscolana, viale Nobiliore, piazza e viale San Giovanni Bosco. Sono quindi possibili deviazioni per le linee 451, 558, 559, 590, 650.

Circolazione in tilt in viale Trastevere a Roma, dove è attualmente in corso un sit-in di protesta davanti al ministero dell’Istruzione. L’Agenzia per la mobilità capitolina fa sapere che il tram 8 è limitato, mentre le linee bus H, 44, 75 e 780 deviano in base alle modifiche della viabilità, registrando al tempo stesso forti rallentamenti. La situazione sembrava essersi risolta poco fa, quando i manifestanti avevano liberato le due corsie di traffico davanti al ministero e la circolazione era tornata alla normalità (anche per i percorsi delle linee bus H, 44, 75 e 780) ed era anche stato ripristinato il passaggio dei tram per la linea 8. Pochi minuti fa, invece, la protesta si è ravvivata e la circolazione risulta fortemente rallentata, con la polizia municipale che sta provvedendo alla modifica della viabilità con la deviazione dei veicoli.

Mentre a Roma proseguono gli scioperi dei mezzi Cotral e Roma Tpl (quello Atac è terminato alle 14), l’Agenzia per la Mobilità capitolina fa sapere che altri disagi sono previsti nella giornata di domani, sabato 15 novembre, a causa di un corteo in programma dalle ore 10 alle 14. La manifestazione, indetta dal Coordinamento Azioni operative Ponte di Nona (CAOP) “contro il degrado della città”, farà riunire circa cinquemila persone a piazza dell’Esquilino (il punto di partenza) che poi proseguiranno verso piazza Santi Apostoli, dopo aver percorso via Cavour, largo Corrado Ricci, via dei Fori Imperiali e via Cesare Battisti. La Questura di Roma ha disposto dalle 8 di domani lo sgombero di tutti i veicoli in sosta in piazza Santi Apostoli. Saranno 33 le linee bus deviate: H, 16, 30, 40, 44, 46, 51, 60, 62, 63, 64, 70, 71, 75, 80, 81, 83, 85, 87, 117, 160, 170, 360, 492, 628, 649, 714, 715, 716, 780, 781, 810 e 916.

E’ terminato alle ore 14 lo sciopero indetto dall’Usb che ha interessato i lavoratori e i mezzi di Atac. La situazione a Roma torna quindi piuttosto regolare, con bus, tram e metro che al momento circolano senza problemi. E’ l’Agenzia per la Mobilità di Roma a far sapere che per quanto riguarda invece le 80 linee di bus gestite dalle Roma Tpl, sino alle 17, e poi dalle 20 a fine servizio, sono possibili disagi sulle linee 022, 023, 024, 025, 027, 028, 030, 031, 032, 033, 035, 036, 037, 039, 040, 041, 044, 048, 050, 051, 053, 056, 057, 059, 077, 078, 086, 088, 50Express, 135, 146, 213, 218, 226, 235, 314, 343, 344, 404, 437, 444, 447, 502, 503, 511, 543, 546, 552, 554, 557, 657, 663, 701, 701L, 702, 720, 721, 763, 764, 767, 768, 771, 775, 777, 778, 787, 808, 881, 889, 892, 907, 912, 914, 982, 983, 985, 992, 993, 998 e C1. E’ finito poco fa anche il corteo tra piazza della Repubblica, Porta Maggiore e piazza Vittorio, qundi sono state ripristinate le linee di bus e tram della zona. Regolare anche il servizio della ferrovia Termini-Giardinetti.

È in corso a Roma lo sciopero dei trasporti. A causa di una manifestazione le linee tram Atac 5, 14 e 19 saranno limitate a piazza Cavallini, a Roma. Servizio limitato a Ponte Casilino a causa di un’altra manifestazione. Per la rete Roma Tpl, per una manifestazione in via Moranti, la linea 543 da via De Chirico devia in via Collatina. Linee Tram 5, 14 e 19 limitate a Porta Maggiore, dove è in corso una manifestazione ed è stata sospesa la linea 3. Non servite da bus le zone Fori Imperiali- viale dell’Università – Cavour e San Lorenzo per i cortei. Per quanto riguarda le metro: la metro A e B sono regolari, come pure la metro C, Roma-Viterbo e Roma-Lido, mentre il servizio è limitato per la tratta Termini-Giardinetti a Ponte Casilino a causa della manifestazione.

Oggi, venerdì 14 novembre 2014, è stato indetto uno sciopero dei mezzi pubblici a Roma: oltre a quello, anche alcune manifestazioni bloccheranno o rallenteranno il traffico sulle strade della capitale. In particolare, due di esse si svolgeranno nelle ore serali. La prima, che comincerà alle 17.30 per concludersi alle 20.00, prenderà il via in piazza Cinecittà, passando poi per via Tuscolana, viale Nobiliare, piazza San Giovanni Bosco e viale San Giovanni Bosco. A causa di questo corteo, le linee 451, 558, 559, 590 e 650 saranno deviate e subiranno dei rallentamenti nella corsa. La seconda manifestazione, invece, inizierà alle 18.00 e terminerà alle 22.00: i manifestanti partiranno da piazzale Ferruccio Pari e continueranno fino a viale Umberto Pari. Le linee interessate saranno quelle degli autobus 31, 708 e 780, che potrebbero dover fermarsi in vista del passaggio del corteo e dunque subire rallentamenti.

Sono in programma a Roma alcune manifestazioni che necessariamente dovranno interrompere la circolazione per favorire il passaggio di coloro che hanno deciso di partecipare. La prima, indetta dalle Camere del lavoro autonomo e precario, Acrobat e Cub, comincerà alle 9.00 di questa mattina e si concluderà alle 14.00, dunque nel pomeriggio. I manifestanti partiranno da via Vittorio Manuele Orlando, passeranno poi per via Barbieri, via Cernaia, via Volturno, via Solferino, piazza Indipendenza, via San Martino della Battaglia, viale Castro Pretorio fino a giungere in viale dell’Università. Da quel punto continueranno su viale Regina Elena, piazzale del Verano, via Tiburtina, via dei Reti e via dello Scalo San Lorenzo, per concludere passando da piazza di Porta Maggiore e via Principe Eugenio. Ma non solo: saranno interrotte, sempre a causa della stessa manifestazione, le linee 3,5, 14,16, 19, H, 40, 50, 60, 61, 62, 63, 64, 70, 71, 75, 82, 88, 90, 105, 163, 170, 217, 310, 360, 492, 542, 545, 590, 649 e 910. Oltre a questa, manifesteranno anche i Lavoratori autoconvocati della scuola, che hanno cominciato alle 8 e continueranno fino alle 11.00: a causa di questo sit – in saranno inagibili le linee 163, 309 e 450. Dalle 10.30 in poi, infine, presso la Garbatella, ce ne sarà un’altra detta dalla Cgil Funzione Pubblica di Roma, per quanto riguarda temi relativi alla sanità e all’occupazione. Il traffico verrà fermato e la linea 716 verrà sospesa fino al termine, previsto per le 14.00.

Hanno preso il via a Roma gli scioperi indetti oggi da diverse sigle sindacali con modalità e orari differenti. Saranno coinvolti tutti i mezzi pubblici, da Atac fino a Cotral e Roma Tpl che quindi non garantiranno regolare servizio a causa delle varie proteste organizzate dai sindacati Cobas, Usb, Faisa Cisal e Ugl. A tal proposito l’Atac, che gestisce la gran parte delle linee di bus della città, i filobus, i tram, le metropolitane e le ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Nord, ha fatto sapere che i maggiori disagi sul servizio potrebbero verificarsi dalle 10 alle 14, nonostante diverse manifestazioni stiano già prendendo il via. Solo in queste quattro ore saranno dunque possibili stop. I mezzi eventualmente coinvolti nella protesta, spiega invece l’Agenzia per la Mobilità di Roma, alle 14 riprenderanno le corse dai depositi. Da qui raggiungeranno linee e capolinea di assegnazione per poi riprendere il servizio. In metropolitana, a prescindere da eventuali stop del servizio, in caso di assenza del personale addetto, ascensori e scale mobili saranno disattivati.

Venerdì 14 novembre è il giorno dello sciopero generale e sociale di 24 ore, che vede Cgil e Cobas in prima linea insieme ad altre sigle sindacali, la cui voce si fonde in un unico slogan: no alle politiche del governo Renzi e dell’Ue, no alla Legge di Stabilità e al Jobs Act. Nel mirino delle organizzazioni c’è poi il Piano-Scuole e lo Sblocca-Italia, ridefinito “Sfascia Italia”. Roma, alla pari di numerose altre città italiane, sarà teatro della protesta con un corteo che partirà alle 10.00 da Piazza della Repubblica e passerà davanti al Ministero dell’Economia e Finanze, al Policlinico e all’Università, attraversando anche il quartiere popolare di S. Lorenzo e, passando per Porta Maggiore, quello multietnico dell’Esquilino, concludendosi infine a Piazza Vittorio. E non mancheranno i sit-in: il primo si terrà alle 8.30 alla sede delle Poste di Viale Europa, mentre alle 9.00 la dimostrazione si farà sentire  davanti alla Direzione generale Telecom (in Corsa Italia); nel pomeriggio sit-in alle 15.00 al MIUR di Viale Trastevere alle, fino in serata, innanzi ai centri commerciali.

Lo sciopero nazionale di oggi non riguarda soloi mezzi del Tpl, ma anche i treni di Ferrovie dello Stato: FS ha infatti reso noto che le Frecce di Trenitalia circoleranno regolarmente, così come Italo e il Leonardo Express che garantisce il collegamento capitolino tra Termini e Fiumicino. E proprio per quanto concerne Roma i bus, filobus, tram e le metro gestite da Atac saranno a rischio dalle 10 alle 14 (fascia calda), così come le ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Viterbo. Venendo dunque agli altri gestori, è in corso la dimostrazione di 24 ore dei lavoratori Roma Tpl, con rispetto delle fasce di garanzia, indetta dalle sigle sindacali USB e FAISA Cisal: dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio sono a rischio le corse delle linee autobus. Il Servizio di trasporto è altresì garantino da inizio servizio alle 8.30 e dalle 17 alle 20.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori