Rozsa Tassi, moglie di Rocco Siffredi/ Il primo incontro e la fedeltà del marito (Non è la d’Urso)

- Morgan K. Barraco

Rosza Tassi (Rosa Caracciolo) e suo marito Rocco Siffredi saranno ospite oggi della puntata di Live – Non è la d’Urso. La donna ricorda bene il primo incontro con il re dell’hard

siffredi famiglia web1280 640x300
Rocco Siffredi e la sua famiglia

L’unione fra Rozsa Tassi (Rosa Caracciolo) e il suo più che conosciuto marito Rocco Siffredi risale al ’94. Il 14 maggio per essere precisi. Miss Ungheria, con una carriera nella moda e l’ingresso a Cannes, non immagina in quel momento che quell’appuntamento di lavoro le avrebbe permesso di incontrare il divo dell’Eros, il chiacchierato re di un genere sempre visto con sospetto dai moralisti. “Non sapevo minimamente chi fosse”, racconta. Entrambi infatti intervengono al Festival del Cinema: lei come testimonial dello spot di un servizio telefonico erotico. Rocco però entra in contatto con la futura moglie ancora prima che lei raggiunga la città, colpito da alcuni scatti fatti dal produttore. “Solo più avanti ho scoperto che era stato Rocco a insistere perché andassi lì a tutti i costi”, racconta a Marie Claire. Anche se in quel momento Rozsa non sa per nulla chi ha davanti, ricorderà tutto della prima volta che il suo sguardo ha incrociato quello di Siffredi. Persino che cosa indossava in quel momento: “Una tuta da ginnastica bordeaux”.

ROSZA TASSI, IL CORTEGGIAMENTO DI ROCCO SIFFREDI

Non trascorrerà molto tempo prima che inizi il corteggiamento, anche se Rozsa Tassi (Rosa Caracciolo) non ne vuole sapere. “Penso che avesse così tante corteggiatrici da non essere molto abituato a essere snobbato”, aggiunge con il senno di poi. “Alla fine ha vinto lui”, conclude. Da quando Rozsa Tassi ha detto di sì a Rocco Siffredi, l’Italia non ha fatto altro che parlare della coppia. Da un divo del cinema erotico ci si aspetterebbe una condotta privata più libertina, di sicuro non che arrivi persino a sposarsi. La mente di chi vive di pregiudizi spesso spinge persino a pensare che la moglie di un personaggio di questo calibro, comunque, deve per lo meno appartenere allo stesso settore. E invece non è così, perché Rocco ha sempre avuto un grande legame con la famiglia, consorte e due figli compresi. Al di là di ciò che accadeva sul set.

ROSZA TASSI E LA FEDELTÀ DEL MARITO

Parla di fedeltà, di quella vera. Non dal punto di vista fisico ma mentale. “Sapevo che quello era il suo lavoro e ha sempre fatto di tutto per provarmi ogni giorno che ci sono solo io per lui”, dice a Marie Claire in una lunga intervista/confessione. Rozsa Tassi (Rosa Caracciolo) non ha mai mostrato alcuna preoccupazione, nessun pensiero in merito all’ipotesi che Siffredi sarebbe potuto scappare presto con un’altra donna. Oppure con due, tre, mille. Rozsa Tassi e Rocco Siffredi saranno ospiti di Live – Non è la d’Urso oggi, domenica 29 settembre 2019, e affronteranno il giudizio delle cinque sfere. Quale sarà il motivo? Di nuovo la loro relazione, vista come impossibile e forse persino finta da molti? Oppure la ragione è da ricercare altrove, magari perché la coppia ha deciso di sposarsi per la seconda volta, anzi terza se si considera la doppia cerimonia a Budapest e in Italia, a distanza di 25 anni?



© RIPRODUZIONE RISERVATA