“Russia, Putin rilascia 500 leoni per coronavirus”: bufala/ Fake news su quarantena

- Mirko Bompiani

Russia, Putin ed i 500 leoni rilasciati in strada per il coronavirus: questa l’ultima fake news che circola sui social network, una bufala enorme!

putin leoni coronavirus fake news
La bufala che circola sui social network
Pubblicità

L’emergenza Covid-19 fa prosperare le bufale sul web e non poteva mancare un riferimento alla Russia. “Vladimir Putin ha rilasciato 500 leoni in Russia nelle strade per il coronavirus”: una fake news ben organizzata, considerando che circola sui social network un’immagine che ritrae un leone per strada con tanto di “ultim’ora” firmata Rai News 24. Ovviamente si tratta di una notizia falsa, creata probabilmente per criticare le misure poco rigide del Governo italiano ed elogiare le disposizioni estreme di Vladimir Putin. L’immagine del leone è ovviamente finta, visto che circola in rete da diversi mesi. E, ovviamente, non c’è alcun tipo di conferma sul presunto provvedimento adottato dal Governo russo: non c’è e non ci sarà alcun leone libero per le strade di Mosca o di San Pietroburgo, solo una vagonata di fake news create per destabilizzare il popolo del web…

Pubblicità

“PUTIN RILASCIA 500 LEONI PER CORONAVIRUS”: LA FAKE NEWS SUL COVID-19

E, per rendere ancora più credibile la fake news, c’è chi ha deciso di far circolare anche presunte dichiarazioni di Vladimir Putin. Il presidente russo avrebbe minacciato i cittadini: 15 giorni in casa o 5 anni in carcere. Ovviamente sui portali russi non c’è alcun tipo di traccia di una dichiarazione simile. In Italia circola una bufala d’autore: Putin avrebbe parlato in conferenza stampa e avrebbe citato anche una detenzione in Siberia. Il punto stampa, durato due minuti d’orologio, è stato elogiato da molti utenti sui social network, ma anche in questo caso non c’è nulla di vero. Insomma, l’elenco delle fake news sul coronavirus si allunga: dopo la bufala sui migranti immuni da coronavirus o quella dei 200 euro di buono sconto da utilizzare in tutti i supermercati, è stato il turno della Russia…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità