RUTTE, PREMIER OLANDA VS ITALIA/ “Prossima volta dovrà rispondere da sola alla crisi”

- Mirko Bompiani

Protagonista al Consiglio Ue, Mark Rutte è noto per essere ossessionato dal controllo delle spese. Ma non solo per la sua Olanda…

rutte
La cancelliera tedesca Angela Merkel con Mark Rutte, primo ministro dell'Olanda (LaPresse)

Mark Rutte, primo ministro dell’Olanda e nemico numero uno dell’Italia al Consiglio europeo. Per qualcuno la sua forza a Bruxelles è sorprendente, ma il peso che è riuscito a dare al suo Paese nel giro di un decennio è proprio frutto del suo lavoro. Non a caso ora si permette frasi del tipo: «Voglio controllare per cosa verranno usati i fondi del Recovery Fund». Il retroscena è stato svelato da Repubblica, secondo cui la sua forza deriva dalla battaglia per gestire gli eurofobi olandesi. Inoltre, ha spinto l’economia aumentando la presenza di multinazionali in Olanda e governando con tutti, dalla destra ai socialisti, incrementando la sua capacità negoziale. Il 53enne ha infatti stretto accordi con tutti, prosciugando elettoralmente chi governa con lui e avvicinandosi così ad Angela Merkel, con cui è il leader al potere da più anni in Europa. E ora si ritrova a pungolare il premier italiano Giuseppe Conte a Bruxelles: «Spero che prosegua le riforma perché indispensabile che la prossima volta Roma sappia rispondere da sola alla crisi». (agg. di Silvana Palazzo)

MARK RUTTE, “OSSO DURO” PER L’ITALIA

Mark Rutte è tra i grandi protagonisti del Consiglio Ue sul Recovery Fund, il leader dell’Olanda è il massimo rappresentante dei paesi frugali, ossessionati dal controllo delle spese e signor no in merito a possibili aiuti per gli Stati più in difficoltà per l’emergenza coronavirus. Un cliente ostico per l’Italia e per gli altri paesi del Sud-Europa, basti pensare a quanto accaduto all’ultimo summit di febbraio: promise di non negoziare sulla proposta sul bilancio Ue 2021-2027 e non si spostò di un centimetro. Un diplomatico che lo ha visto lavorare lo ha presentato così: «Da buon olandese, figlio di un commerciante, Mark Rutte è un bravo negoziatore. Se vuole ottenere 50 e sul tavolo c’è 10, lui spara 100. E alla fine porta a casa 40, che nei compromessi europei è da considerarsi un successo». Insomma, un osso a dir poco duro…

MARK RUTTE, FRUGALE ANCHE NELLA VITA PRIVATA

Ma, come spiega La Stampa, la frugalità e l’ossessione per il controllo delle spese fanno parte anche della sua vita privata. Scapolo, Mark Rutte abita ancora nell’appartamento acquistato dopo la laurea in Storia ed i suoi spostamenti non contemplano auto di grossa cilindrata: o la bicicletta o la vecchia Saab, ovviamente di seconda mano. E il suo carattere sobrio si rispecchia anche a tavola: niente pizza o fish&chips, il suo piatto preferito è il minestrone, storico avversario di quasi ogni bambino.

Tornando a cose più serie, la compostezza ed il rispetto delle regole rappresentano un cardine e lo ha testimoniato durante il lockdown. Mark Rutte ha infatti perso la madre nei mesi scorsi, vittima del lockdown: il primo ministro olandese non è andato a trovarla per non violare le norme ed è riuscito a vederla per l’ultima volta solo poche ore prima della sua morte.



© RIPRODUZIONE RISERVATA