Sabrina e la sorella Annamaria/ Il primo incontro a La porta dei sogni

- Emanuele Ambrosio

La storia di Sabrina che cerca la sorella Annamaria a La Porta dei Sogni: “vorrei conoscerla, sapere se sta bene e completare la famiglia”

Sabrina e Annamaria a La Porta dei sogni

“Il primo sogno è in mezzo a voi” dice Mara Venier che presenta il primo sogno de “La Porta dei Sogni“. Si tratta della storia di Sabrina che cerca la sorella Annamaria. “E’ arrivata una lettera indirizzata a me da Sabrina” dice Mara Venier che presenta Sabrina, una donna che sogna di rincontrare la sorella Annamaria che non ha mai incontrato. “Tu hai saputo di avere questa sorella quando eri già grandicella” racconta Mara Venier con Sabrina che in lacrime dice “ti devo ringraziare perchè hai accettato di raccontare la mia storia”. Sabrina perde la mamma quando è molto piccola, a circa 1 anno e mezzo: “l’ho vissuta proprio poco mia mamma, ma la ricordo perchè mi è rimasta nel cuore. La ricordo in viso, era molto dolce anche se non me la ricordo, l’ho vista nel letto che era già malata”. Dopo la morte della madre, Sabrina va a vivere dalla zia, ma a “nove anni mi mette in un collegio di suore”.

Sabrina e il sogno di incontrare la sorella Annamaria

“La vita nel collegio è stata brutta, non potevi uscire, condividevo la stanza con un’altra ragazza e non è mai come essere a casa propria ed io volevo tornare da mia zia” racconta Sabrina che ad un certo punto si impunta e decide di tornare dalla zia che le rivela dell’esistenza di tre fratelli e due sorelle. “Mi sono sentita meno sola” dice Sabrina che dopo aver riabbracciato tutti gli altri fratelli ora vuole competere la famiglia incontrando la sorella Annamaria. “Ne manca una Annamaria” dice Sabrina che precisa: “vorrei conoscerla, sapere se sta bene e completare la famiglia” dice Sabrina in lacrime con la Venier che la raggiunge “fai una tenerezza, questo si è che un sogno!”. Poi la Venier le rivela: “tua sorella è stata adottata” e le mostra un filmato della sorella Annamaria che le scrive una lettera. Annamaria è







© RIPRODUZIONE RISERVATA