SABRINA SALERNO/ “Da giovane ho sofferto molto, una grave depressione colpa di…”

- Stella Dibenedetto

Sabrina Salerno si racconta nel salotto di Io e Te: “Ho costretto mio padre a riconoscermi. Da giovane ho sofferto molto a causa di una grave depressione perché…”

sabrina salerno min 640x300
Sabrina Salerno a Io e Te - Screenshot da video

Torna con l’appropinquarsi dell’estate “Io e te”, il programma condotto da Pierluigi Diaco assieme a Katia Ricciarelli e tra i primi ospiti di questa stagione c’è la showgirl e soubrette Sabrina Salerno che nella sua lunga chiacchierata in studio non solo ha parlato del rapporto col suo compagno Enrico Monti, ma anche degli altri uomini della sua vita e di come anche a causa di alcuni di loro sia stata molto male. “Ho sofferto molto” ha ammesso la Salerno, parlando di una drammatica malattia che ha tormentato la sua giovinezza e le cui conseguenze si sono fatte sentire a lungo. Sabrina ha infatti confessato di essere stata affetta da una forma acuta di depressione e che in alcune circostanze l’ha portata anche a situazioni borderline, come ad esempio degli episodi di autolesionismo a cui ha accennato e spiegando che la causa sovente era la sua volontà di invaghirsi e inseguire degli uomini non propriamente adatti a lei… (agg. di R. G. Flore)

“COSTRINSI MIO PADRE A RICONOSCERMI, POI…”

Sabrina Salerno, cantante, attrice, showgirl, mamme e moglie, è protagonista del faccia a faccia di Io e Te. Si parte dall’amicizia che lega Sabrina Salerno ad Elisabetta Ferracini, la figlia di Mara Venier. Lei è come una sorella. Siamo molto diverse, ma molto simili per tanti versi. Abbiamo la stessa età, ci rispettiamo, ci diciamo la verità in maniera cruda. Ci conosciamo da tantissimi anni. Ci sono stati momenti in cui siamo state lontane, ma abbiamo lo stesso approccio nel rapporto con le persone”, ammette Sabrina Salerno. Sul capitolo Sanremo: “A Sanremo sono stata me stessa. Mi ha chiamata Amadeus e quando ho ricevuto la telefonata ero dal dottore. Per me è stata una telefonata radiosa. Ero felicissima perchè, per me, Sanremo rappresenta casa. Io ho abitato a Sanremo per dieci anni”, ricorda Sabrina che ha potuto così realizzare un suo sogno da bambina. Sabrina Salerno ha ottenuto un grandissimo successo all’estero, ma non “mi sono mai sentita tradita dal mio Paese”.

SABRINA SALERNO: “MI HANNO OFFERTO TUTTI I REALITY, MA HO SEMPRE DETTO NO”

Sabrina Salerno ha sempre cercato di dividere la sua vita privata da quella professionale. Una scelta che l’ha spinta a dire sempre no a tutti i reality che le hanno offerto. “Mi hanno proposto tutti i reality come l’Isola dei Famosi, il Grande Fratello e altri reality ma ho sempre detto no perchè è un modo diverso di fare televisione. Rispetto le persone che fanno i reality. Il fatto, però, che io abbia un fisico prorompente, non significa che a me piaccia condividere la mia vita, mentre mangio, mentre dormo con il pubblico. Per me sarebbe come una violenza. Poi nella vita mai dire mai”, ammette l’artista. Uno dei capitoli dolorosi della vita della Salerno è rappresentato dal rapporto con il padre. “Ho visto cose brutte e ho conosciuto, purtroppo, più persone brutte nella mia vita. Credo di aver avuto un padre che era depresso che però cercava di dare un’immagine diversa. Io, invece, non riesco a dare immagini diverse. Se mi fai una domanda, non riuscire mai a dire bugie perchè sono libera e dico sempre quello che penso”, racconta Sabrina che poi svela dettagli inediti del suo rapporto con il genitore. “Io ho costretto mio padre a riconoscermi, ma l’ho dovuto fare perchè continuava a sostenere che non ero la figlia. Ho fatto il test del DNA. Stiamo parlando di una persona famosa nel suo ambiente, di livello, con un gran ruolo e benestante. Io il 15 marzo dell’anno scorso l’ho chiamato. Ci siamo rivisti, io ho conosciuto la sua famiglia e lui mi ha chiesto perdono. Dopo soli tre mesi di rapporto dove io cercavo di recuperare un padre e lui forse una figlia, ma è morto all’improvviso a luglio ed io ho perso l’occasione di ricostruire un rapporto“, racconta.



© RIPRODUZIONE RISERVATA