Giornata Mondiale del diabete / A Ragusa il 14 novembre per promuovere la sensibilizzazione

- Matteo Fantozzi

Il 14 novembre sarà la Giornata Mondiale del diabete e a Ragusa saranno molti gli eventi promossi per la sensibilizzazione. Parteciperà l’Aiad, Associazione italiana assistenza ai diabetici

Diabete pediatrico: primo pancreas artificiale
Diabete di tipo 2, due farmaci mettono a rischio il cuore

Il 14 novembre sarà la Giornata Mondiale del diabete e a Ragusa saranno molti gli eventi promossi per la sensibilizzazione. Parteciperà a questa l’Aiad, Associazione italiana assistenza ai diabetici di Ragusa. Sono molte le nozioni che si vogliono trasmettere per far capire la gravità di questa patologia e l’importanza di sottoporsi a controlli anche per le persone che non ne sono affette. Tra i punti fondamentali da analizzare c’è quello sulla diagnosi precoce che può essere fondamentale per prevenire eventuali complicazioni e cercare di dare la migliore qualità di vita possibile al paziente. Rimane dunque importante anche cercare di far capire come sia importante la prevenzione con i livelli di glicemia nel sangue che devono essere controllati con grande attenzione. Tra i particolari verranno elencati anche l’impatto dei costi su una famiglia in cui c’è un malato di diabete, una situazione che deve mobilitare anche i vari paesi nel cercare di capire come prevenire la patologia prima che questa si presenti.

Giornata Mondiale del diabete: le evoluzioni di questo evento

La Giornata Mondiale del diabete è stata istituita nel 1991 dall’International Diabetes Federation insieme all’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità). Lo scopo principale di questo evento, che si celebra il 14 novembre, è quello di sensibilizzare le persone e informare l’opinione pubblica. I punti forti di riflessione sono legati al fatto che un corretto stile di vita può portare a prevenire questa patologia e che un corretto utilizzo di farmaci può portare ad affrontarla con facilità. In Italia l’evento viene organizzato annualmente dal 2002 grazie anche al volontariato di infermieri diabetologi, medici, dietisti e anche altri operatori sanitari. Sicuramente questa giornata può essere un utile riferimento soprattutto per quelle persone che conoscono meno la patologia e si trovano magari esposti a fattori di alto rischio senza nemmeno saperlo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA