Trapianto e trasfusioni in utero / Al sesto mese di gravidanza impiantate cellule staminali sul feto

- Matteo Fantozzi

Trapianto e trasfusioni in utero, al sesto mese di gravidanza impiantante cellule staminali sul feto per la prima volta nel mondo. Intervento all’Ucsf Benioff Children’s di San Francisco.

tolgono stomaco per errore
Ospedale (Foto: Pixabay)

Il New York Times ha parlato a lungo di questo intervento all’avanguardia eseguito a San Francisco e che ha permesso l‘impianto di cellule staminali e ben cinque trasfusioni su un feto di appena sei mesi. Il quotidiano americano ha sottolineato come questo intervento chirurgico potrebbe rappresentare una vera e propria svolta su quelli che vengono chiamati trapianti fetali. Potrebbe essere la strada per cercare di sconfiggere per sempre alcune patologie molto comuni del sangue, l’anemia falciforme, l’emofilia e anche altre malattie ereditarie. La bimba si chiama Elianna e i suoi genitori sono una coppia che vive alle Hawaii. Al momento questa sta bene, ma è costretta ancora a delle trasfusioni di sangue come chi soffre della sua stessa patologia. Entro alcuni mesi si potrà capire se la bimba riuscirà a superare del tutto questo problema ematico.

INTERVENTO ESEGUITO A SAN FRANCISCO

È stato eseguito un intervento davvero all’avanguardia all’Ucsf Benioff Children’s Hospital di San Francisco dove è stato effettuato un trapianto con trasfusioni all’interno dell’utero materno su un feto di sei mesi. La bimba ha ricevuto cinque trasfusioni e un trapianto di cellule staminali che erano precedentemente state ricavate dal midollo osseo della madre. Questo è servito per trattare già in fase di gravidanza la malattia di cui soffriva la bambina, l’alfa talassemia maggiore che spesso si è rivelata in passato fatale se riscontrata in un feto in fase di formazione. Grazie a questa operazione il parto è andato a buon fine a febbraio, anche se per vedere se la malattia è stata sconfitta bisognerà aspettare ancora qualche mese. Si tratta comunque di un intervento all’avanguardia e che potrebbe rivoluzionare ovviamente il campo della medicina pediatrica e prenatale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori