Integratori multivitaminici inutili? / Uno studio svela come non apportino nessun beneficio alla salute

- Matteo Fantozzi

Integratori multivitaminici inutili? Uno studio del St. Michael’s Hospital e dell’Università di Tornoto svelerebbe come non apportino nessun tipo di beneficio allo stato di salute. 

farmaci_medicine_pixabay
Pastiglie (Foto: Pixabay)

L’autore principale degli studi sugli integratori multivitaminici e minerali, David Jenkins, ha sottolineato: “Siamo stati davvero molto sorpresi dal trovare così pochi effetti positivi dagli integratori più comuni che le persone solitamente consumano. La nostra revisione h rilevato come l’utilizzo di multivitaminici, vitamina D, calcio o vitamina C non è di certo dannoso ma non porta alcun beneficio apparente”. Parole importanti che ci fanno capire come molti degli integratori utilizzati nei periodi di spossatezza, come la primavera, alla fine siano abbastanza inutili e non apportino dei benefici al fisico in maniera sostanziale. In Italia comunque questi continuano ad essere utilizzati con regolarità in tutto il nostro paese e questo non deve essere un campanello d’allarme per la loro pericolosità quanto piuttosto per il fatto che possano essere davvero inefficaci.

NESSUN BENEFICIO PER LA SALUTE

Arriva dal Canada uno studio che escluderebbe qualsiasi tipo di beneficio per la salute da parte degli integratori multivitaminici e minerali. Questo arriva dai ricercatori de St.Michael’s Hospital insieme all’Università di Toronto. Questi hanno esaminato una serie di dati che erano stati effettuati tra il gennaio del 2012 e l’ottobre del 2017. Da questi si è evinto che i più comuni integratori, e cioè quelli di Vitamina C,D e di calcio non regalino nessun vantaggio nella prevenzione di malattie cardiovascolari, ictus o infarto. Certo è stato rilevato anche che l’apporto di questi integratori non porti a nessun effetto da considerarsi dannoso, ma nemmeno a particolari e sensibili vantaggi. Lo studio effettuato dai ricercatori è stato pubblicato sulla rivista scientifica The Journal of the American College of Cardiology che ha riportato nei dettagli tutti i numeri e i dati analizzati con precisione dagli studiosi in questione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori