Test Hiv gratuiti a Bari/ 150 richieste, l’iniziativa “C’ha ditt u’ dottor? Te fa’u’test!”

Test Hiv gratuiti in piazza a Bari sono arrivati a margine dell’iniziativa “C’ha ditt u’ dottor? Te fa’u’test!”, un progetto open test.

11.02.2019 - Matteo Fantozzi
longevità
32enne in prognosi riservata per meningite B

Test Hiv gratuiti in piazza a Bari sono arrivati a margine dell’iniziativa “C’ha ditt u’ dottor? Te fa’u’test!“, un progetto open test. Sono state talmente tante le richieste che hanno portato a esaurire i test salivari a disposizione. Si parla di oltre 150 richieste in piazza del Ferrarese. Tutto è stato messo in piedi da ANLAIDS Sezione Lombarda con il patrocinio di Regione Puglia e del Comune di Bari. Sono stati numerosi i volontari che hanno accolto visitatori nello stand a partire dalle 20.00 di ieri sera. Si è lavorato così anche alla sensibilizzazione legata a una patologia di cui si è tornati a sapere sempre meno, dopo che si era arrivati a un livello di conoscenza molto precisa sulla prevenzione. Erano presenti anche dei medici infettivologi pronti a dare dei consigli ai presenti. Questi sono in servizio all’interno del reparto Malattie infettive del Policlinico di Bari e sicuramente degli specialisti preparati.

Test Hiv gratuiti a Bari: il progetto Open Test

Il progetto legato ai Test Hiv gratuiti a Bari si chiama Open Test e porta a numerosi altri interventi decisamente importanti per sensibilizzare e aiutare i cittadini. Questo progetto è stato creato dall’Associazione Nazionale per la lotta contro l’Aids, Anlaids, Sezione Lombarda. Il tutto è stato cofinanziato da MAC AIDS Fund che sta affrontando davvero con grande intensità la prevenzione dell’Hiv. L’obiettivo è quello di rendere le persone consapevoli di quanto accaduto con un focus su quelli che sono i maggiori rischi di infezione. Viene promosso dunque l’esame del Test Hiv gratuito per capire anche se si è magari affetti dal virus. Si vuole dunque aumentare la consapevolezza e la conoscenza del Test Hiv e della sua utilità per evitare ulteriori problemi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA