Sesta malattia, bimbo di 21 mesi muore a Bari/ Cos’è? Scambiata per influenza

- Dario D'Angelo

Un bambino di 21 mesi è morto ieri al Policlinico di Bari per le complicazioni derivate dalla Sesta malattia: si tratta di una patologia esantematica.

Immagini di repertorio
Immagini di repertorio

Un bambino di 21 mesi di Ceglie Messapica è morto venerdì, 12 aprile, nel reparto di Rianimazione del Policlinico di Bari: aveva la Sesta malattia, una patologia infettiva che si manifesta soprattutto nei bambini tra i 6 mesi ed i due anni di età. Come riportato da La Repubblica, le sue condizioni di salute sono precipitate nel giro di pochi giorni: inizialmente il piccolo era stato colpito da quella che sembrava essere una normale influenza. I suoi genitori lo hanno iniziato a curare pensando di dover fronteggiare una normale febbre. Con il passare dei giorni, però, si è manifestato un peggioramento del quadro neurologico: i genitori si sono così rivolti al loro medico di famiglia che, compresa immediatamente la gravità della situazione, ha allertato i colleghi e fatto ricoverare il bambino presso l’ospedale di Martina Franca.

SESTA MALATTIA, MUORE BIMBO DI 21 MESI

Le condizioni del bimbo di 21 mesi colpito dalla Sesta malattia hanno purtroppo continuato ad aggravarsi, con i medici di Martina Franca che hanno così deciso di spostare il piccolo nella struttura sanitaria di Bari, con il trasferimento concretizzatosi giorno 11 aprile. Ormai in gravissime condizioni, il bambino è stato sottoposto ad un piccolo intervento neurochirurgico per una ipertensione endocranica, conseguenza di una encefalite, ma non ce l’ha fatta. I successivi controlli di laboratorio, spiega La Repubblica, hanno escluso che il piccolo paziente fosse affetto da una forma di virus influenzale o di altro tipo. Era invece Sesta malattia, una patologia esantematica, simile al morbillo o alla varicella, appartenente alla famiglia dei virus dell’herpes, e così chiamata poiché in ordine cronologico, è stata la sesta malattia esantematica ad essere stata identificata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA