BIMBI MALATI DI MORBILLO: MULTATI I GENITORI/ Ausl Rimini sanziona famiglie No Vax

- Dario D'Angelo

Rimini, l’Ausl ha multato i genitori dei bambini ammalatisi di morbillo che avevano rifiutato il vaccino: famiglie No Vax sul piede di guerra.

vaccini coronavirus
Vaccino antinfluenzale

Bimbi malati di morbillo? Multa in arrivo per i genitori No Vax che non li hanno sottoposti a vaccino. E’ questa la decisione dell’ausl di Rimini che ha dato applicazione alla legge Lorenzin nei confronti di 15 famiglie di bambini di età superiore ai 6 anni – quindi in età di obbligo scolastico – che avevano contratto il morbillo tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019 nel corso di un focolaio epidemico scoppiato in città. Come riportato da Il Resto del Carlino la pena comminata ai genitori corrisponde a 166,66 euro ed è il primo caso in Italia in cui le multe vengono emesse da una delle aziende sanitarie italiane. La novità rispetto al passato è rappresentata dal fatto che le sanzioni già erogate riguardavano casi di mancata o falsa certificazione: oggi a Rimini a fare testo è invece l’avvenuta contrazione della malattia stessa.

BIMBI MALATI DI MORBILLO, MULTATI GENITORI NO VAX

L’Ausl ha così motivato la propria decisione di multare i genitori No Vax dei bambini che hanno contratto il morbillo:”In città si è verificato un focolaio epidemico che dall’inizio dell’anno ha portato 36 persone a contrarre la malattia. La somministrazione delle multe rientra perfettamente nelle direttive contenute nella legge Lorenzin”, riporta Il Corriere della Sera. Dall’azienda sanitaria aggiungono:”Per quanto riguarda la fascia 0 – 6 anni, dove non è previsto l’obbligo scolastico, i provvedimenti sono di pertinenza del Comune, per la fascia di età in cui è previsto l’obbligo scolastico, la pertinenza è nostra. Alle famiglie a cui è stata inviata la notifica, avevamo offerto di vaccinarsi, per altro dopo esserci accertati che non ci fossero casistiche di esonero dai vaccini. Poi di fronte a rifiuto, al termine dei 60 giorni previsti dalla legge abbiamo proceduto”. E le famiglie No Vax sono già sul piede di guerra…

© RIPRODUZIONE RISERVATA