Diabete e bevande: 2 concesse/ Caffè e tè verde i grandi alleati della malattia

- Davide Giancristofaro Alberti

Diabete e bevande: scopriamo insieme quali sono quelle consigliate per i pazienti affetti da questa patologia

caffe 2019 pixabay
Caffè e tè bollente aumentano rischio tumore all'esofago
Pubblicità

Sono in aumento i casi di diabete di tipo 2, una malattia che non colpisce solo gli anziani ma anche i giovani. Come ricorda Ladyblitz.it, negli ultimi 10 anni i casi riguardanti ragazzi fra i 20 e i 30 anni sono aumentati del 50%, numeri che meritano senza dubbio attenzione. Il diabete di tipo 2 rappresenta il 95% dei casi ed è fondamentale per provare a prevenire questa complicata patologia, una corretta alimentazione accompagnata dall’attività fisica. Chi invece è già affetto da diabete di tipo 2, dovrà cercare di alimentarsi in maniera ancora più attenta rispetto ad una persona “sana”, a cominciare anche dall’assunzione di frutta. Bisognerà selezionare quei frutti che contengono meno zuccheri rispetto agli altri, e che hanno un basso indice glicemico, come ad esempio le mele e le pere, passando per le fragole, le albicocche e le arance, arrivando fino alle nespole, alle pesche, ai lamponi e infine ai mirtilli. Attenzione invece alle banane, all’uva, ai datteri e ai fichi, che contengono indici glicemici un po’ più elevati e che vanno assunti con maggiore moderazione.

Pubblicità

DIABETE E BEVANDE: 2 CONCESSE

Per quanto riguarda le bevande, invece, meglio la frutta intera che i succhi, mentre il caffè è altamente consigliato, visto che è nota la sua proprietà “antidiabetica”: un caffè al giorno non zuccherato in maniera eccessiva, permette di ridurre del 30% la possibilità di contrarre il diabete di tipo 2. A svelare queste capacità è stato uno studio condotto su 1.2 milioni di persone, in cui sono stati evidenziati i benefici dell’assumere caffè con caffeina e anche decaffeinato. Un’altra bevanda che si sposa alla perfezione con il diabete e i diabetici è il tè verde, che aiuta tra l’altro a prevenire anche la demenza e l’obesità. Anche in questo caso le proprietà sono state evidenziate da una ricerca pubblicata su FASEB Journal nel 2017, in cui viene sottolineato come il tè verde riesce a ridurre lo sviluppo di resistenza all’insulina, nonché a contenere l’aumento del peso, e ad evitare l’alterazione della memoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità