Dieta Cambridge/ Riattiva il metabolismo e perdi 2.5 kg in 7 giorni

- Matteo Fantozzi

Dieta Cambridge, il regime alimentare britannico porta a perdere 2.5 chilogrammi in 7 giorni. Gli studiosi però si dividono e alzano una polemica.

dieta idrica
Dieta Cambridge

La dieta Cambridge porta a perdere 2.5 kg in 7 giorni grazie alla riattivazione del metabolismo. Un rimedio davvero molto interessante se si considera che siamo ormai alle porte della prova costume anche se i termometri al momento sembrano dire altro. Come si può capire dal suo nome il regime alimentare arriva dall’Inghilterra dove ha avuto un grandissimo successo anche grazie a sponsor d’eccezione. Tra i vip che si sono sottoposti al tradimento c’è anche la stella dei reality show Jennifer Ellison che grazie a questa dieta è riuscita in breve tempo a perdere molti chilogrammi. Quando ha svelato di aver effettuato la dieta Cambridge immediatamente è salita la considerazione nei confronti di un regime alimentare che in precedenza era ai più totalmente sconosciuto.

Dieta Cambridge: come funziona e cosa si mangia?

Ma come funziona e cosa si mangia nella dieta Cambridge? Per prima cosa va ricordato che prima di iniziare un regime alimentare piuttosto rigido è consigliabile sempre rivolgersi al nostro medico curante che è in grado di capire qual è la situazione che stiamo attraversando. Nella prima fase di questo regime alimentare si mangiano soprattutto alimenti in forma liquida o semisolida come possono essere frullati, zuppe e quant’altro. La prima regola è quella di eliminare totalmente carboidrati e zuccheri. Questo porta il nostro organismo a uno stato di chetosi che lo porta a bruciare i grassi in eccessi da cui trarre l’energia necessaria per stare bene. Ogni giorno si devono poi bere almeno due litri d’acqua e si possono assumere barrette proteiche per integrare i pasti. Nella seconda fase della dieta è il momento dei sostituti del pasto, cioè polveri o barrette molto vendute anche in Italia. Al momento però una parte degli studiosi considera questa dieta molto pericolosa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA