Salvini a Milano Marittima/ Video, l’esponente Dem lo insulta: “Rovini la città”

- Davide Giancristofaro Alberti

Salvini ha avuto un piccolo scambio di vedute con Veronica Proserpio, vicesindaco Dem di un comune in provincia di Como: ecco cosa è successo

sondaggi politici
Matteo Salvini, leader Lega (LaPresse, 2020)

Periodo non proprio semplice per il leader della Lega Matteo Salvini. Dopo che il Senato, come prevedibile, ha votato sì nei confronti del procedimento contro l’ex ministro dell’interno per il caso Open Arms, il “capitano” ha cercato un po’ di relax nella spiaggia di Milano Marittima, una delle sue mete estive più ambite. Peccato però che anche lì le cose non siano andate come previsto. Salvini ha infatti incontrato sul suo cammino tale Veronica Proserpio, vice sindaco del comune di Proserpio (provincia di Como), esponente del Partito Democratico. Come si vede nel video pubblicato dalla stessa sulla propria pagina Facebook, l’esponente Dem si è avvicinata al leghista dicendogli: “Rovina il nome di questa bellissima città”. Salvini, abituato ad insulti vari, non si è scomposto ed ha replicato: “Fatti un bagno che ti rilassi”. Ma la Proserpio ha controbattuto: “Sono rilassatissima, sono in vacanza da 15 giorni”.

SALVINI, SCINTILLE CON LA PROSERPIO: “NON CE L’HO PROPRIO FATTA”

Lo stesso vicesindaco ha deciso di pubblicare il filmato sul proprio social con tanto di commento con insulti: “Non ce l’ho proprio fatta. Mi avvicino sorridendo al caz*aro verde e gli dico di vergognarsi per le sue esternazioni… Il seguito è nel video!!!”. L’esponente dem comasca è stata poi applaudita virtualmente da Barbara Zuccon, sindaco della stessa cittadina lariana, che ha commentato: “Veronica ha fatto bene – ha spiegato il primo cittadino – Se fossi stata presente il video non sarebbe finito in quindici secondi. Anch’io pur essendo distante dal Pd (fa parte della stessa lista civica della dem ma vicina a Fratelli d’Italia ndr), non amo le esternazioni di Matteo Salvini. Non tollero i suoi comportamenti, come non mettere la mascherina”. L’episodio, in realtà, risale prima alla votazione in Senato sul caso Open Arms, visto che è riferito a domenica scorsa, 26 luglio.

“NON ERA MIA INTENZIONE FARE POLEMICA”

La Proserpio, attraverso la Provincia di Como, ha poi spiegato più nel dettaglio come sono andate le cose: «Prima di quanto si vede e si sente nel video – le sue parole riportate oggi, 31 luglio, dal sito del quotidiano comasco – ho detto a Salvini: “Lei sta rovinando il nome dell’Italia con le sue esternazioni”. Ma non era mia intenzione fare polemica, è semplicemente successo, c’erano tante persone che gli chiedevano un selfie e mi sembrava giusto far sentire anche la mia voce, fargli capire che non tutti sono a suo favore. In realtà non ero nella stessa spiaggia di Salvini ma tre bagni più in là. Stavo semplicemente facendo una camminata sul bagnasciuga quando ho visto questo capannello di persone e ho capito velocemente che al centro c’era Salvini. Allora mi sono avvicinata e appunto c’è stato questo scambio di pareri assolutamente civile. Io mi sono presentata anche sorridente, era un modo per evitare mi respingessero per altro».



© RIPRODUZIONE RISERVATA