Salvini: sì a centrale nucleare in Lombardia/ “Che problema c’è? Poco pericolosa”

- Andrea Murgia

Matteo Salvini a Radio Anch’io: “Costruire una centrale nucleare in Lombardia? E che problema c’è? Si trovano nei centri storici di tante città e Paesi europei”

sondaggi politici
Matteo Salvini, segretario della Lega (LaPresse)

Matteo Salvini dice sì alla presenza di una centrale nucleare in Lombardia. Il segretario della Lega lo ha detto questa mattina alla trasmissione Radio anch’io in onda su Radio Rai: “Costruire una centrale nucleare in Lombardia? E che problema c’è? Ci sono centrali nucleari nei pieni centri storici di tante città”. Salvini ha ricordato “la presenza di centrali nucleari in tanti Paesi europei” e si è chiesto: “Ha senso andare ancora avanti così, importando l’energia elettrica e pagando la bolletta più cara?”.

“La Svezia di Greta Thunberg ha 8 centrali – ha ricordato il leghista a Radio Anch’io -. Ci sono centrali nei centri storici di grandi città: a Copenaghen c’è un termovalorizzatore in centro città, con una pista di sci. L’Italia è l’unico Paese del G8 senza nucleare, oggi sono funzionanti 128 centrali nucleari, di cui 58 in Francia”.

MATTEO SALVINI: “NUCLEARE ENERGIA PIU’ PULITA E MENO PERICOLOSA DI ALTRE”

Matteo Salvini, oltre al nucleare, ha sottolineato a Radio Anch’io anche che l’aumento delle bollette “è il prezzo della transizione green imposta a tappe e tasse forzate dall’Unione europea sulla testa delle azienda italiane che sono all’avanguardia. Chi paga 100 euro, la maggior parte non è l’energia, ma costi di trasporto, costi delle emissioni della Ue. 

Le parole sul nucleare confermano quanto detto da Salvini nei giorni scorsi in un’intervista a la Repubblica: “Il nucleare è un’energia molto più pulita e molto meno pericolosa rispetto ad altre. Se uno già dice no a valutare dimostra chiusura mentale. La valutazione non comporta già un giudizio. Secondo me è stato un errore fermarsi in passato. È chiaro che è un tipo di scelta che ti porta i risultati dopo 15 anni, non dopo 15 giorni, però idrogeno verde, blu ed energia pulita perché no?”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA