SALVINI SU VERBALI CTS E STUDIO SEGRETO/ “Perché Conte non lo ha mostrato a Regioni?”

- Davide Giancristofaro Alberti

Matteo Salvini, lettera al Corriere della Sera sui verbali Cts e lo studio segreto sul Covid: “Conte riferisca in Parlamento”. E si chiede perché non lo abbia condiviso con le Regioni

sondaggi politici
Matteo Salvini (LaPresse)

Matteo Salvini lancia una pesante accusa al governo in una lettera al Corriere della Sera, cioè di non aver condiviso informazioni su “elementi allarmanti” relativi al Covid-19. “Gli ultimi verbali desecretati svelano una serie di errori e raccontano i furibondi litigi tra gli esperti e il commissario Domenico Arcuri, che nonostante i troppi ritardi e svarioni è stato scelto per affrontare il tema della riapertura delle scuole affiancando un ministro palesemente inadeguato come Lucia Azzolina”, scrive il leader della Lega. Il riferimento è a quelli pubblicati sul sito della Protezione civile. E chiede il motivo per il quale gli altri interlocutori istituzionali non sono stati messi al corrente di quelle informazioni.

Gli ha risposto a distanza il ministro della Salute Roberto Speranza durante la Festa del Fatto Quotidiano. A voler tenere “riservato” quello studio elaborato dal Comitato tecnico scientifico sono stati gli stessi scienziati. La decisione di non renderlo pubblico verteva sulla necessità di “non diffondere allarme” e su una “solidità scientifica” non ancora netta, in quanto “il range di ipotesi elaborate era ampio”. Quindi diffonderlo era “complicato”. In merito invece alla lettera di Salvini ha aggiunto: “È sbagliata perché divide l’talia e dà l’idea di un leader piccolo che mette dinanzi gli interessi di parte rispetto a quelli del paese”. E quindi ha concluso: “La posta in gioco è cosi alta che non possiamo metterci a fare giochetti sullo scarico di responsabilità”. (agg. di Silvana Palazzo)

SALVINI SU VERBALI CTS E PIANO SEGRETO “CONTE IN PARLAMENTO”

Il leader della Lega, Matteo Salvini ha scritto una lettera indirizzata al Corriere della Sera, un appello affinché il governo faccia chiarezza, a suo modo di vedere, sui famosi verbali del Comitato tecnico scientifico desecretati nelle scorse settimane e sul piano Covid segreto. Secondo Salvini Palazzo Chigi aveva a disposizione elementi allarmanti già all’inizio di quest’anno, prima che poi la pandemia si diffondesse a macchia d’olio in Italia, ma senza condividerli con le autorità preposte. “A Palazzo Chigi – un passaggio della lettera “salviniana” al quotidiano di via Solferino – avevano elementi allarmanti sulle conseguenze del Covid nel nostro Paese, ma il presidente del Consiglio si è preso l’enorme responsabilità di non condividere ufficialmente le informazioni nemmeno con i presidenti di Regione”. Salvini ricorda poi le 18 tonnellate di materiale medico spedite alla Cina, e quindi le parole del premier del 21 febbraio che rassicurava che la situazione era sotto controllo.

SALVINI VS CONTE: “EMERGENZA AFFRONTATA CON SUPERFICIALITÀ”

Da Conte e dagli altri ministri non una parola, una giustificazione, una replica – prosegue Salvini amareggiato – niente. Silenzio assoluto. Unica eccezione, Roberto Speranza che si era affrettato a smentire parlando di «travisamento giornalistico», nonostante la notizia fosse stata confermata da un dirigente del suo stesso dicastero”. Altro argomento caldo, la chiusura dei comuni bergamaschi di Nembro e Alzano Lombardo, due fra i paesi più falcidiati dall’epidemia di covid-19: “E’ ormai appurato – sottolinea il numero uno del Carroccio – che il Comitato tecnico scientifico avesse suggerito di chiudere con delle zone rosse anche i comuni della Bergamasca, tanto che da Roma inviarono l’esercito per blindare Nembro e Alzano Lombardo, ma poi Palazzo Chigi decise altrimenti, peraltro ignorando un altro suggerimento degli esperti ovvero una chiusura meno rigida in alcune aree del Paese anziché il lockdown totale”. Salvini e la Lega chiedono che il governo riferisca in parlamento su quelli che lo stesso leghisce definisce “ritardi e svarioni”. “Il governo deve spiegare – conclude la missiva dell’ex ministro dell’interno – davanti al Parlamento e a tutto il Paese, perché ha taciuto i rischi del virus e ha affrontato l’emergenza con drammatica superficialità. Lo deve agli italiani, a chi ha sofferto, a chi non c’è più, alle loro famiglie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA