SAMIRA EL ATTAR/ La scarpa ritrovata e strane coincidenze sul marito (Chi l’ha visto)

- Emanuela Longo

Samira El Attar, 43enne di Stanghella scomparsa da quasi due mesi: strane coincidenze sul marito prima e dopo il ritrovamento della scarpa

samira el attar chi lha visto
Samira El Attar, Chi l'ha visto

Lunedì mattina, a pochi chilometri dalla casa di Samira El Attar, è avvenuta una piccola svolta nel caso: il ritrovamento di un paio di scarpe nere e un ciondolo con la scritta in arabo che secondo la zia corrisponderebbe al nome di Samira. Il marito ha subito allertato i carabinieri. Solo dopo i risultati dei carabinieri si potrà avere la conferma se quella scarpa, uno stivaletto da donna nero, ritrovata nei campi sul ciglio della Statale 16 possa essere o meno di Samira, la donna scomparsa da quasi due mesi da Stanghella. Eppure questo ritrovamento è ricco di dubbi: perchè il marito è certo che la scarpa sia di Samira? Il giorno del ritrovamento l’uomo aveva un appuntamento con la giornalista di Chi l’ha visto e piuttosto che tornare a casa a incontrarla ha insistito affinché con la zia andassero sul ciglio della strada a controllare. La zia racconta di essere andati insieme e solo quando Mohammed era distante avrebbe trovato la scarpa nera. Mentre l’uomo e la zia di Samira venivano ascoltati in caserma, l’inviata di Chi l’ha visto è rimasta sul posto del ritrovamento notando una cosa strana: “Noi lì c’eravamo stati proprio il giorno prima con il marito di Samira. Una strana coincidenza che non si può non notare”. Ma non sarebbe la sola coincidenza. Il giorno prima, per la prima volta l’inviata ha incontrato lo zio di Samira per il quale ci sarebbero molte cose che non tornano. Alla domanda posta al marito su come Samira era vestita al momento della scomparsa, lui replica dicendo che in casa mancano delle scarpe nere, senza aggiungere altro. Ma nella denuncia di scomparsa non ne parla. Sin dall’inizio in tanti hanno dubitato di lui. “Io so che sono innocente”, è stata la sua risposta. Quindi ha rivelato che giù due mesi prima della sparizione ci sarebbe stato un uomo che avrebbe dato fastidio al marito. Un uomo marocchino che la infastidiva arrivando a pedinarla. L’uomo in questione, ovviamente, ha negato tutto. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

IL CASO DI SAMIRA EL ATTAR: VERSO LA SVOLTA?

Il caso della giovane mamma 43enne, Samira El Attar, scomparsa lo scorso 21 ottobre da Stanghella, in provincia di Padova, dopo aver accompagnato il piccolo figlio di 4 anni alla scuola materna in bicicletta, sarà affrontato questa sera nel corso della trasmissione di Rai3, Chi l’ha visto. Il motivo ha a che fare con la svolta degli ultimi giorni quando cioè il marito Mohammed Barbri ha denunciato il ritrovamento delle scarpe e di un portachiavi che potrebbero appartenere proprio alla donna di cui era in possesso al momento della sua misteriosa sparizione. Il ritrovamento, come spiegato da Padova Oggi, è avvenuto a distanza di sette settimane dalla scomparsa di Samira. Si tratterebbe di un paio di calzature da donna di colore scuro abbandonate lungo la Statale 16, a pochi chilometri da Stanghella. Non si esclude che possano essere proprio le scarpe indossate dalla mamma 43enne il giorno in cui di lei si sono perse le tracce e che Samira abbia percorso esattamente quel tratto di strada. Era stata la redazione Chi l’ha visto a svelare che l’importante scoperta risalirebbe allo scorso 9 dicembre nel corso delle ricerche di possibili importanti tracce da parte del marito.

SAMIRA EL ATTAR, SCARPE RITROVATE SONO SUE?

La mattina dello scorso lunedì, Mohamed, marito di Samira El Attar è uscito di casa insieme ad alcuni parenti al fine di cercare qualche traccia della moglie scomparsa. Mentre percorreva la Statale 16, dopo aver percorso alcuni chilometri dall’abitazione di via Nazionale, l’uomo si sarebbe imbattuto in due scarpe scure ed avrebbe così allertato subito i carabinieri riferendo il dubbio che quelle calzature potrebbero appartenere alla moglie. Immediato l’intervento delle forze dell’ordine che avrebbe in poco tempo delimitato l’area e setacciato la zona alla ricerca di ulteriori tracce della 43enne marocchina ma da tempo residente a Stanghella. Sul caso la procura si è limitata ad aprire un fascicolo per sequestro di persona ma attualmente non risulta alcun nome iscritto nel registro degli indagati. Il mistero resta ed anzi si incrementa di nuovi dubbi dopo il ritrovamento delle calzature al quale, spiega la pagina Instagram di Chi l’ha visto, si aggiunge anche il ritrovamento di un portachiavi. Nuovi interrogati si aggiungono al destino della donna: cosa le è successo?

© RIPRODUZIONE RISERVATA