San Bernardo di Chiaravalle/ Video, il 20 agosto si celebra il patrono di Gibilterra

- Matteo Fantozzi

San Bernardo di Chiaravalle, video: il 20 agosto si celebra il protettore degli agricoltori e patrono di Gibilterra. Tutti gli altri Beati di oggi.

san bernardo chiaravalle 2019 iconografia 640x300
San Bernardo di Chiaravalle

San Bernardo di Chiaravalle è il Santo che la chiesa cattolica festeggia il 20 agosto. Questi è venerato, tra l’altro, per avere fondato la celebre abbazia di Clairvaux ma anche perché fu un cistercense e un fedele servitore della chiesa, oltre che teologo. Bernardo di Chiaravalle nacque nel 1090 a Fontaine-lès-Dijon, in una famiglia con sette fratelli che era agiata e possedeva alcuni terreni nella zona. Studiò retorica e grammatica e solo nel 1111 rientrò a Fontaines dove, preso dal fervore religioso, decise l’anno successivo di farsi monaco ed entrare nel monastero cistercense di Cîteaux. Nel 1115 si trasferì insieme ad un gruppo di seguaci nella regione dello Champagne, su un terreno donato da un parete, e lì costruì il monastero di Clairvaux, che in breve tempo divenne un centro di riferimento per tutti i fedeli di quella zona d’Europa. Bernardo era un fervente sostenitore del passaggio dei monaci da un ordine all’altro, convinto che la chiesa fosse un’unica e grande famiglia. Per questo motivo quando nel 1130 furono ordinati due papi in contrasto fra loro, Bernardo si schierò a favore di Innocenzo II, poi vincitore della disputa.

Il Papa, forse per ringraziarlo, qualche anno dopo ordinò che gli venisse consegnato il capo di San Cesario, custodito dai monaci del convento omonimo. Bernardo, però, rispose che gli bastava come reliquia un unico dente ma i numerosi tentativi di estrarlo furono vani. Bernardo, allora, pregò il Signore di aiutarlo a venerare la reliquia del santo in modo opportuno e subito dopo la preghiera riuscì ad estrarre con sole due dita il dente desiderato. Questo, però, fu solo uno dei tanti miracoli compiuti da Bernardo. IL santo dedicò il resto della sua vita a lottare contro le eresie e diffondere il culto del Signore, fornendo anche l’ispirazione per la nascita dell’Ordine dei Templari. Ormai vecchio e malato, nel 1152 rientrò a Chiaravalle e qui si spense nel 1153, proprio nella giornata del 20 agosto. Il suo corpo fu sepolto sotto l’altare della sua abbazia ma con la rivoluzione francese il corpo venne trafugato e disperso. Da questa furia iconoclasta si salvò solo la testa che oggi è conservata nella Cattedrale di Troyes.

San Bernardo di Chiaravalle, il protettore degli agricoltori e patrono di Gibilterra

La canonizzazione di San Bernardo di Chiaravalle fu voluta per ordine di papa Alessandro III e avvenne nel 1174 nella Cattedrale di Anagni. Viene considerato il protettore degli agricoltori poiché nel monastero di Clairvaux i monaci avevano l’abitudine di provvedere al proprio sostentamento coltivando le terre intorno all’abbazia e regalando parte del raccolto ai poveri e ai bisognosi. San Bernardo è anche il Santo patrono di Gibilterra, località nella quale ogni anno il 20 agosto vengono organizzate delle celebrazioni solenni in onore del santo.

Gli altri Beati di oggi

Altri Santi venerati dalla chiesa cattolica nella giornata del 20 agosto sono sant’Amatore di Lucca, sant’Erberto, Santa Laura, San Samuele, Sant’Oswin.

Video, la vita di San Bernardo di Chiaravalle



© RIPRODUZIONE RISERVATA