San Firmino/ Il 25 settembre si celebra il patrono di Pamplona

- Matteo Fantozzi

San Firmino, il 25 settembre come ogni anno si celebra il Beato patrono di Pamplona. Nella città spagnola si tiene una festa in luglio per lui.

Corsa dei tori San Firmino Pamplona Pixabay 640x300
Tori a Pamplona per San Firmino (foto: Pixabay)

Il 25 settembre si festeggia San Firmino martire e vescovo. Firmino è il Santo patrono di Pamplona. La città celebra il suo Santo con una settimana intera di manifestazioni ed eventi. Nonostante il suo onomastico cada il 25 settembre, il Santo si festeggia a Pamplona a luglio, quando il clima è più mite. Il programma della festa di San Firmino è fitto di appuntamenti, con concerti, musica di strada, processioni, sfilate di statue giganti di cartapesta, portate in giro per la città. L’evento culminante della festa è il famoso Encierro, la corsa dei tori di Pamplona, che si svolge per le strette vie della città. Giovani e meno giovani corrono all’interno della città vecchia, rincorsi da tori lasciati liberi. Uno spettacolo emozionante da godere in uno dei grandi schermi attrezzati o dal vivo, noleggiando uno dei balconi che si affacciano sul percorso. Durante la festa di San Firmino a Pamplona si indossa al collo un fazzoletto rosso, che ricorda il martirio del Santo.

La città di Pamplona si trova a nord della Spagna, tra i Pirenei. Pamplona è una città di origine romana con strette vie ed edifici antichi. È una città romantica e affascinante, con un grazioso centro storico, tradizionali bar di tapas della città vecchia e ristorantini dove gustare la gastronomia locale. È circondata da una splendida vallata verde e rigogliosa ed è una delle tappe del Cammino di Santiago, molto frequentata da turisti e pellegrini.

San Firmino, la vita

Pamplona è la città che diede i natali San Firmino che morì ad Amiens intorno all’anno 300. Firmino fu decapitato a 31 anni, proprio il 25 settembre, giorno in cui si celebra la sua ricorrenza. È un santo molto amato e popolare. Nel medioevo veniva invocato come protettore dei calzolai, dei mercanti di vino e dei panettieri. Oggi il santo patrono di Pamplona viene celebrato con la festa di San Fermin, una delle manifestazioni più famose in Spagna e all’estero. Secondo la leggenda Firmino nacque a Pamplona intorno al IV secolo da una famiglia nobile e pagana. I genitori lo affidarono sin da ragazzo alle cure del prete Honesto che lo battezzò e convertì al cristianesimo. Fu ordinato sacerdote e cominciò la sua evangelizzazione dapprima in Spagna, poi in Francia dove contribuì al diffondersi della fede cristiana. Il suo pellegrinaggio termina ad Amiens dove si stabilisce e viene nominato vescovo, a soli 24 anni. Il suo vescovato ebbe molto successo, qui Firmino fondò la prima chiesa della città. A quel tempo la dottrina cattolica era oggetto di una forte opposizione, per questo, Firmino venne arrestato e gli fu ordinato di rinunciare alla fede. Lui rifiutò e venne così decapitato proprio il 25 settembre, giorno del suo martirio.

Gli altri Beati di oggi

Il 25 settembre la chiesa ricorda anche San Cleofa, discepolo di Gesù e le Sante Aurelia e Neomisia. Le due sante, nate in Asia, ebbero una vita difficile e tormentata. Prima ridotte in schiavitù, poi catturate e frustate da soldati Saraceni nei pressi di Roma. Il 25 settembre si celebra il giorno della loro morte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA