San Giovanni XXIII/ L’11 ottobre si celebra il Papa Buono

- Matteo Fantozzi

San Giovanni XXIII, l’11 ottobre si celebra il Papa Buono. Tutto quello che c’è da sapere sul Beato, la sua vita e gli altri Santi della giornata.

giovanni xxiii 2019 lapresse 640x300
San Giovanni XXIII (LaPresse)

San Giovanni XXIII si celebra l’11 ottobre. Il Beato era molto legato al suo territorio natale, amore tutt’ora pienamente corrisposto visto che nel suo paese Sotto il Monte si svolgono periodicamente diverse feste e iniziative religiose in suo nome dedicate ai giovani che lui amava tanto. San Giovanni XXIII e il patrono dell’esercito italiano e in suo onore il 12 ottobre si tiene una festa al Santuario di Cardolo, vicino a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro. Roncalli viene eletto Papa il 28 ottobre 1958. Il mondo interò dopo il suo adoperarsi in nome della pace ai tempi della crisi di Cuba, vivrà dieci giorni di apprensione per il suo stato di salute.

Papa Giovanni XXXII morirà il 3 giugno del 1963. La Chiesa Cattolica ai fini della sua beatificazione, ha definito come miracolosa l’improvvisa guarigione di Suor Caterina Capitani, avvenuta a Napoli il 25 maggio del 1966. La suora, era in fin di vita a causa di una gastrite ulcerosa emorragica in grave stato avanzato, e insieme alle consorelle decise di rivolgersi in preghiera proprio al Papa Buono, Giovanni XXXIII che in seguito le sarebbe comparso in visione poco prima dell’avvenuta guarigione definitiva, ritenuta scientificamente inspiegabile.

San Giovanni XXIII, la vita del Beato

Angelo Giuseppe Roncalli che prenderà il nome di Papa Giovanni XXIII dopo la sua nomina al soglio di Pietro è nato in provincia di Bergamo, nel piccolo paese di Sotto il Monte, territorio a cui sarà molto legato nel corso della sua vita,, il 25 novembre del 1881. Roncalli entrò in seminario il 7 novembre 1892 e nel gennaio del 1901 fu inviato a Roma presso il seminario romano dell’Apollinare grazie a una borsa di studio per clerici del bergamasco. In giovanissima età, a 22 anni, conseguì il dottorato in teologia e il 10 agosto del 1904. Nella chiesa di S. Maria di Monte Santo viene ordinato sacerdote. Durante la Prima Guerra Mondiale è stato grande il suo impegno nell’assistere i feriti come cappellano con il grado di sergente, dove giunge a compiere atti che all’epoca vennero definiti di eroismo.

Alla fine del conflitto presta servizio ai soldati malati di tubercolosi mettendo a repentaglio la sua stessa vita visto l’elevato pericolo di contagio. Nel 1925 inizia il suo periodo diplomatico con la nomina di Visitatore Apostolico in Bulgaria a servizio della Santa Sede, carica che ricoprirà fino al 1952. Dopo aver provveduto ai bisogni della disastrata comunità cattolica nel 1931 fonda a Sofia una Delegazione Apostolica. Durante la Seconda Guerra Mondiale si prodiga per dare assistenza agli Ebrei, salvandoli dallo sterminio, e alla popolazione greca, duramente colpita dalla miseria della guerra. Dopo un breve periodo in Turchia, a Istanbul, il 30 dicembre del 1944 su decisione personale dell’allora papa Pio XII viene promosso alla Nunziatura di Parigi. Il 5 marzo del 1953 accetta ancora un volta obbedientemente, il trasferimento alla sede di Venezia.

Gli altri Beati di oggi

Altri Santi del giorno 11 ottobre sono: San Filippo, San’Eufredo, San Canizia, San Bruno, Sant’Anastasio e Sant’Alessandro Sauli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA