San Vittorio Martire/ Oggi 21 maggio si celebra Protettore dai fulmini

- Matteo Fantozzi

San Vittorio Martire, il 21 maggio si celebra come ogni anno il Beato invocato contro i fulmini e per protezione contro la grandine. Tutto quello che c’è da sapere.

san vittorio da capadocia 2019 web 640x300
San Vittorio

San Vittorio Martire viene celebrato dalla chiesa cattolica nella giornata del 21 maggio. Il Beato è invocato contro i fulmini e per protezione contro la grandine. Inoltre i suoi devoti chiedono nelle loro preghiere la sua intercessione contro gli spiriti maligni. Il suo emblema è la palma. Il culto di devozione nei confronti di questo Santo è molto diffuso nel nostro Paese. Infatti diversi sovrani e principi di Casa dei Savoia sono stati battezzati con questo nome. Senza dimenticare che in Inghilterra la regina Vittoria ha creato un vero e proprio stile che porta il nome suo e del Santo.

Il suo nome deriva dal latino, Victorius, variante di Victor, vincitore. Da questa radice principale arrivano i nomi di Vittorino, Vittoriana, Vittore, Vittoria e Vittoriano. Questo nome latino attualmente ha una sua versione in molte altre lingue. In tedesco abbiamo Viktoria, Viktor e Vike. In Francia Victoire, Victor e Victoria, così come in Gran Bretagna, mentre in portoghese si ha invece il nome di Vitor.

San Vittorio Martire, la vita del Beato

San Vittorio Martire nacque a Marsiglia, intorno al 300. Stando ala tradizione, Vittorio era un soldato romano che subì il martirio nei pressi dell’attuale Kayseri, in Turchia, località conosciuta all’epica come Cesarea di Cappadocia. Insieme a lui subirono il martirio anche Polieuto e Donato, celebrati anch’essi in questa stessa data. Ufficiale romano all’epoca di Traiano, si convertì al Cristianesimo dopo essere entrato in contatto con diversi prigionieri cristiani. La sua morte arrivò proprio a causa di questa sua conversione che lo portò alla decapitazione. Il suo martirio è stato descritto dapprima nel Martirologio Geronimiano e poi in quello Romano, ma generalmente se ne ritrova traccia in tutti quelli che sono i martirologi storici occidentali conosciuti. Bisogna dire che anche se san Vittorio non ha lasciato molte notizia di sè non è mai stato dimenticato.

Si dice, a cavallo tra storie e racconto popolare, che, intorno al 660, alcuni mercanti originari della città di Marsiglia riuscirono a salvarsi da un naufragio grazie all’intervento degli abitanti di Roccella Jonica e che, per sdebitarsi, i francesi inviarono nella cittadina calabrese un’importante reliquia del loro concittadino martire. Per questo motivo Santo Vittorio divenne patrono del piccolo centro urbano ionico.

La vita di San Vittorio martire







© RIPRODUZIONE RISERVATA