Santa Giovanna d’Arco/ Video, il 30 maggio si celebra la patrona della Francia

- Matteo Fantozzi

Santa Giovanna d’Arco, il 30 maggio si celebra la patrona della Francia e protettrice di radio e telegrafo. Gli altri Beati di oggi

santa giovanna darco 2019 iconografia
Giovanna d'Arco
Pubblicità

Protettrice di telegrafia e radio, Santa Giovanna d’Arco si celebra il 30 maggio ed è una delle Sante più note nel mondo occidentale. Nata nel villaggio francese di Domrémy nei primi anni del Quattrocento (1412), fin dalla tenera età si distinse per condurre una vita penitente e austera. Gli scritti agiografici raccontano un episodio in particolare che cambiò per sempre il destino di Giovanna: mentre ripeteva l’Angelus, la ragazzina fu sorpresa da una voce soave che le chiedeva di amare Dio, essere pia e buona; Giovanna accettò la sua missione. Nelle settimane successive le apparizioni si ripeterono, dando sempre più forza alla giovane. Ancora adolescente, Giovanna incontrò il futuro Carlo VII presso la città di Chinon e grazie al suo carisma convinse il Delfino Carlo ad affidarle il comando di un’offensiva contro l’esercito inglese. A questo proposito, è passata alla storia la vittoria nella battaglia di Orleans, successo che valse alla giovane il prestigioso titolo di Pulzella di Orleans. Conquistata anche Reims, il Delfino Carlo fu proclamato re con l’appellativo di Carlo VII. Giovanna d’Arco credeva che Carlo VII avrebbe proseguito la guerra contro gli inglesi, ma si sbagliava. Infatti, una volta salito al trono, il nuovo re di Francia decise di trattare con gli inglesi. Il passo indietro compiuto dal re venne mal digerito da Giovanna, che in tutta risposta scelse di proseguire la propria battaglia contro il nemico inglese nonostante il mancato appoggio di Carlo VII. Fu questo il punto di non ritorno per Giovanna d’Arco, che aveva vissuto il suo punto più alto nella vittoria di Orleans in cui salvò la Francia dall’essere conquistata dagli inglesi. La giovane, che non aveva ancora compiuto 20 anni, fu presa dai Borgognoni (quest’ultimi spalleggiavano gli inglesi). Dopo averla catturata, i Borgognoni la vendettero all’esercito britannico. Gli inglesi allestirono un falso Tribunale dell’Inquisizione, il quale decretò la condanna a morte della Pulzella di Orleans per stregoneria ed eresia. Subito dopo la condanna, Giovanna d’Arco venne condotta nella piazza centrale del mercato di Rouen e bruciata viva, nell’indifferenza di Carlo VII. Vent’anni più tardi, lo stesso re di Francia aprì un’inchiesta sul processo subito dalla futura Santa. L’indagine portò alla sua completa riabilitazione.

Pubblicità

Festa in onore di Santa Giovanna d’Arco

Giovanna d’Arco viene festeggiata in tutta la Francia l’8 maggio, giorno della festa nazionale del popolo francese. La data dell’8 maggio coincide con il giorno in cui una giovanissima ragazza guidava una disperata offensiva contro l’esercito inglese ad Orleans. La stessa città di Orleans dedica ogni anno alla Santa una grande festa, che viene celebrata tra la fine di aprile e i primi giorni del mese di maggio. Sono migliaia i visitatori che accorrono ad Orleans per ammirare cortei e i mercati medievali in sua memoria. La Francia ha nominato Giovanna d’Arco patrona del paese. Dunque la giovanissima Santa nativa del remoto villaggio di Domrémy può essere equiparata a San Francesco, patrono d’Italia.

Altri Santi venerati dalla Chiesa cattolica il 30 maggio

Oltre a Santa Giovanna d’Arco, la Chiesa cattolica nella giornata del 30 maggio venera Sant’Anastasio di Pavia, San Ferdinando III, Sant’Isacco e San Giuseppe Marello.

Video, la storia di Giovanna D’Arco



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità