Sant’Ilario di Poitiers, 13 gennaio/ Oggi si celebra il Patrono di Parma

- Matteo Fantozzi

Sant’Ilario di Poitiers, il 13 gennaio si celebra quello che viene considerato il Patrono di Parma. Tutto quello che c’è da sapere sulla sua vita e sulle sue opere.

ilario poitiers 2019 web 640x300
Sant'Ilario di Poitiers

Sant’Ilario di Poitiers si celebra il 13 gennaio. Il Beato nasce a Poitiers nel 310 circa, ma non si conosce il giorno preciso della sua venuta al mondo. Costui proviene da una famiglia di aristocratici di origine gallo-romana. Il ragazzo si sente attratto fin da subito dalla filosofia. Ilario si sposa molto giovane e diventa padre di una bambina, che si chiama Abra. Nel 353 la sua vita cambia, infatti il futuro Santo viene acclamato vescovo di Poitiers da moltissimi rappresentati della comunità in cui vive. In questo periodo, il religioso conosce San Martino e gli offre la sua protezione. Quest’ultimo, grazie all’aiuto di Ilario, riesce a diventare anche lui uno straordinario uomo di Chiesa e ad essere eletto Vescovo della città di Tours. Nel 356, Ilario viene chiamato a partecipare al Sinodo di Breziers, mentre tre anni dopo prende parte al Concilio di Seleucia.

In quest’ultima occasione, il vescovo riesce a far raggiungere un accordo tra i sostenitori del simbolo di Nicea e quelli che propugnavano l’uguaglianza tra il Cristo e il Padre nella sostanza. Ilario inoltre si oppone fermamente all’Arianesimo, e per questa ragione deve affrontare numerosi problemi, tra cui l’esilo deciso ad un certo punto dall’imperatore Costanzo II. Il vescovo è quindi costretto a spostarsi da Poitiers e a soggiornare in Frigia. In questo posto, decide di dedicarsi allo studio del pensiero dei padri orientali. In questi cinque anni, Ilario ha la possibilità di scrivere il suo primo libro, dal titolo De Trinitate, in cui sostiene la teoria della consustanzialità del Cristo con Dio. Ritornato a Poitiers dal suo esilio, il religioso muore in questa città nel 367. Successivamente è stato eletto Santo dalla Chiesa.

Sant’Ilario di Poitiers, il patrono di Parma

Sant’Ilario di Poitiers è il patrono di Parma. Il 13 gennaio di ogni anno, in questa città emiliana, nella chiesa dedicata al vescovo vi è una solenna celebrazione che attrae numerose autorità, non solo religiose, ma anche civili. Al termine della Santa Messa, la statua di Ilario viene portata in processione per le strade di Parma. In occasione di questa festa, vengono organizzati numerosi spettacoli musicali, in cui ricavato va in beneficienza. Inoltre, viene allestita una manifestazione gastronomica dedicata alle scarpette. Si tratta di alcuni gustosi dolci in pastafrolla, che vengono decorati in vario modo a seconda della creatività de pasticciere.

La città di Parma

Parma è una ridente città emiliana, che può contare sulla bellezza di circa 200 mila abitanti. Tra i luoghi di interesse di questo posto, ci sono il Duomo con il suo stile romanico, e la Basilica di Santa Maria della Steccata. Questo edificio religioso ospita al suo interno dei meravigliosi affresci rinascimentali, tra i quali spicca quello delle Tre vergini savie e tre vergini stolte, dipinto dal Parmigianino. Tra gli altri posti da visitare a Parma c’è poi la Cittadella, che è una grande fortezza militare a forma di pentagono, eretta per volere del duca Alessandro Farnese. Questa città emiliana è famosa per le ville in stile liberty, come ad esempio Villa Levi-Tedeschi, al cui interno furono girate alcune scene del telefilm R.I.S. – Delitti imperfetti. Da vedere sono poi gli stupendi monumenti come la Fontana del Trianon e L’Auditorium Niccolò Paganini.

Gli altri Beati di oggi

Il 13 gennaio è anche la festa di Sant’Agrizio di Treviri, San Goffredo di Cappenberg e San Bernone di Cluny. Tra i Beati ci sono Veronica Negroni da Binasco e Matteo de Lana.

Video, la vita del Beato



© RIPRODUZIONE RISERVATA