“Sarah Knafo incinta di Éric Zemmour”/ Politico denuncia Closer: “Privacy violata”

- Alessandro Nidi

Éric Zemmour sulla copertina di Closer, ma la notizia è choc: “Diventerà padre nel 2022, la sua consigliera Sarah Knafo è incinta”. Scatta la denuncia

Eric Zemmour 640x300
Éric Zemmour (foto: YouTube)

Éric Zemmour, esponente francese di estrema Destra e probabile candidato alle prossime elezioni presidenziali, ha sporto denuncia contro la rivista “Closer” per la pubblicazione della notizia secondo cui nel 2022 il politico diverrà papà, grazie al figlio che gli darà la sua consigliera Sarah Knafo, classe 1993. La storia di copertina, distribuita su quattro pagine, è intitolata: “Diventerà padre nel 2022”. L’articolo parla quindi della presunta gravidanza della Knafo e gli avvocati di Zemmour, informati dell’articolo prima della pubblicazione da un messaggio di testo inviato da una persona molto vicina al loro assistito, hanno tentato di impedire in tutti i modi che il servizio approdasse nelle edicole del Paese transalpino, senza tuttavia riuscirci.

Come riporta il quotidiano “Le Parisien”, Éric Zemmour, che sostiene anche che la foto pubblicata di sua moglie sia stata rubata, considera questa copertina “un’invasione della sua privacy e del suo diritto alla sua immagine” e ha deferito la questione al tribunale giudiziario di Nanterre (Hauts-de-Seine), con udienza fissata per il prossimo 3 gennaio. Infatti, i suoi avvocati, Olivier Pardo e Laurence Dauxin-Nedelec, hanno quindi deciso di avviare un’azione legale contro la società editrice del settimanale delle celebrità. Zemmour ha reagito alla notizia stamattina sul suo account Twitter, asserendo che difenderà “gelosamente, ferocemente” la sua vita privata e quella dei suoi cari: “La vita pubblica, sì, il voyeurismo, no. Mi dispiace per i pervertiti”.

ÉRIC ZEMMOUR PADRE NEL 2022 GRAZIE A SARAH KNAFO? SI VA VERSO LA DOPPIA DENUNCIA AL GIORNALE

Éric Zemmour ha annunciato proprio in queste ore, pertanto, che presenterà una denuncia e un’altra, in tal senso, potrebbe giungere da Sarah Knafo per violazione della privacy. Olivier Pardo, l’avvocato di Zemmour, ha aggiunto ai microfoni di BFMTV: “Li colpirò in tasca, perché è lì che fa male. Li citerò per danni e vincerò, perché è un’evidente violazione della privacy”.

Peraltro, Closer non è una testata giornalistica nuova a questo tipo di rivelazioni: nel 2014, la stessa rivista di gossip aveva evidenziato la relazione dell’ex presidente François Hollande con l’attrice Julie Gayet.



© RIPRODUZIONE RISERVATA