Sarri nuovo allenatore Juventus?/ “Amerò tifosi del Napoli anche se sarò bianconero”

- Michela Colombo

Sarri nuovo allenatore della Juventus? Fresco vincitore dell’Europa League con il Chelsea, il toscano ha spiegato: “Valuteremo con la società il futuro”.

maurizio sarri allenatore juventus
Maurizio Sarri (LaPresse)

Chelsea-Arsenal è finita 4-1, Blues campioni d’Europa League: l’ultima di Maurizio Sarri prima di diventare il nuovo allenatore della Juventus? Incalzato da Sky Sport nel post-gara, l’allenatore ha spiegato: «Da domani inizieremo a tirare le somme della stagione come in tutte le società, a vedere quello che io chiedo di migliorare alla società e ciò che la società chiederà a me di migliorare. Gli anni di contratto sono ancora due: il risultato è la discussione, non ci sono grandi problemi ma come in tutte le società penso che un confronto sia obbligato e dovuto». Poi sulla Juventus: «Negli ultimi venti giorni sono stato dato per certo alla Roma, poi al Milan e ora alla Juventus: fino a quando sono cose che leggi sui giornali non fanno nessun effetto». Poi sui complimenti del Napoli: «Mi fa piacere che il Napoli come società e nella persona del presidente de Laurentiis mi abbia fatto i complimenti: non avevo dubbi. I napoletani sanno benissimo l’amore che provo per loro e sanno benissimo che lo scorso anno ho scelto l’estero per non andare direttamente in un’altra squadra italiana. Sanno che avranno sempre il rispetto da parte mia. Poi la professione ti porta a fare un altro tipo di percorso, ma ciò non cambierà nulla nel rapporto con Napoli città, Napoli tifoseria e Napoli calcio». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

ALLA JUVENTUS DA FRESCO VINCITORE DELL’EUROPA LEAGUE?

Maurizio Sarri nuovo allenatore della Juventus? Il tecnico toscano arriverebbe sulla panchina bianconera con un trofeo rilevante appena inserito nel curriculum: il suo Chelsea ha infatti vinto l’Europa League ai danni dell’Arsenal. E nelle prossime ore potrebbe arrivare la firma, come rivelato da Maurizio Pistocchi: «Dopo la finale di Europa League Maurizio Sarri diventerà il nuovo allenatore della Juventus. Per molti colleghi diventerà il più bravo di tutti, e quelli che lo insultavano e chiamavano perdente andranno alla Continassa a chiedergli l’autografo». L’ex Napoli è pronto per un palcoscenico come quello juventino, ecco le parole di Massimo Maccarone a Radio Sportiva: «Per me è pronto perché è un grande allenatore, poi sta a lui. Sicuramente lì ci sarebbero cose diverse da fare, sarebbe un percorso diverso da quelli che ha fatto da Empoli a Napoli e dal Napoli al Chelsea: sarebbe un gradino ancora superiore, perché oltre al livello del campo, conterebbe anche la gestione del gruppo». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

LE PAROLE DI MAURIZIO COMPAGNONI

Le reazioni alla possibilità che Maurizio Sarri possa diventare allenatore della Juventus sono diverse: la Gazzetta dello Sport ha pubblicato ad esempio un sondaggio nel quale il nome dell’attuale allenatore del Chelsea non sembra scaldare gli animi dei tifosi, che lo ritengono poco adatto alla squadra bianconera soprattutto sul piano caratteriale. Di diverso avviso il giornalista di Sky Sport Maurizio Compagnoni, che pensa invece che questo eventuale matrimonio sia perfetto. “Lui vuole una società forte e la Juventus per questo è’ l’ideale” ha detto Compagnoni, che ha poi ricordato come Sarri sia un allenatore che si concentra in particolare sul campo lasciando alla dirigenza il compito di sviluppare il calciomercato. Cosa che i bianconeri farebbero con Fabio Paratici, Pavel Nedved e un Andrea Agnelli sempre presente. Inoltre, con il profilo tattico disegnato dal toscano alcuni giocatori potrebbero esaltarsi: “Pjanic è uno di questi, se tornasse Higuain farebbe o stesso e Cristiano Ronaldo attacca benissimo gli spazi senza palla, la porta meno rispetto ad alcuni giocatori del Chelsea”. Chi rientrerebbe meno nel profilo di Sarri? “Douglas Costa non è il massimo, forse nemmeno Bernardeschi che però è maggiormente plasmabile”. (agg. di Claudio Franceschini)

SARRI NUOVO ALLENATORE JUVENTUS? CONTATTO CON AGNELLI A BAKU

Andrea Agnelli e Maurizio Sarri discutono il piano perché quest’ultimo diventi l’allenatore della Juventus? Che i due si sarebbero visti a Baku era già stato anticipato: in qualità di presidente dell’ECA, il numero 1 bianconero è in Azerbaijan per l’esecutivo della UEFA e, ufficialmente per preparare la riunione, è passato dall’albergo dove alloggia il Chelsea. Lo ha “pizzicato” Tuttosport: Agnelli ha incontrato Sarri e lo ha salutato, qualche parola e giustamente le antenne di tutti gli addetti ai lavori e appassionati si sono drizzate. Sappiamo del possibile accordo già trovato con Sarri, ma in questo momento senza annunci ufficiali tutto fa brodo: anche dire che Pep Guardiola resti comunque in pole position per diventare il prossimo allenatore della Juventus. Agnelli invece non sarà presente alla finale di Europa League: ripartirà prima, magari per andare a incontrarsi con il tecnico catalano… intanto però questo contatto con Sarri ha fatto e farà discutere, come sempre attendiamo aggiornamenti in merito ma la sensazione è che non arriveranno a stretto giro di posta. (agg. di Claudio Franceschini)

IL PUNTO DI RAMBAUDI

Sarri nuovo allenatore della Juventus? Sì, ma anche Pep Guardiola: CittaCeleste ha riportato un’intervista a Roberto Rambaudi, ex esterno di Foggia e Lazio e poi commentatore televisivo, circa il domino delle panchine che si aprirà in questi giorni. Sulla Juventus, Rambaudi ha detto cose interessanti: è convinto infatti che per le prossime stagioni i bianconeri punteranno effettivamente su Maurizio Sarri, che è il prescelto per questi anni in cui bisognerà “allontanare” la figura di Massimiliano Allegri e migliorarsi a partire da quanto fatto dal livornese. “Saranno anni di semina per preparare la strada a Guardiola”: dunque lo scenario prospettato dall’ex giocatore sembra essere chiaro, in questo momento la scelta ovvia per la Juventus è quella dell’attuale allenatore del Chelsea ma il catalano del Manchester City è stato comunque identificato dai bianconeri come il “reale” manager in grado di far fare il salto di qualità alla squadra e alla società. Questa sera si gioca la finale di Europa League, al termine della quale Sarri avrà terminato ufficialmente la sua stagione: potrebbero arrivare a breve novità importanti in merito alla panchina della Juventus. (agg. di Claudio Franceschini)

ACCORDO SUL TAVOLO

Sarà Maurizio Sarri il nuovo allenatore della Juventus? Stando alle ultime notizie riportate dalla stampa, sembrerebbe proprio di sì. Nei giorni scorsi avevamo dato la notizia di un accordo che i bianconeri avevano trovato con l’allenatore del Chelsea: un contratto triennale a 7 milioni di euro. Naturalmente rispetto a Pep Guardiola si risparmierebbe non poco sull’ingaggio, e la filosofia del tecnico rispecchia la strada che i campioni d’Italia vogliono intraprendere in materia di calcio giocato. Sarri probabilmente rappresenta il piano B non potendo arrivare al tecnico del Manchester City; questa sera come sappiamo è impegnato a Baku per la finale di Europa League e sarà presente anche Andrea Agnelli – in quanto presidente ECA: occasione utile allora per definire eventualmente i dettagli. La prelazione che la Juventus ha con Sarri scadrebbe dopo la finale di Champions League, che si gioca sabato: si dice però che l’annuncio ufficiale possa arrivare anche prima di quella data. Dunque non resta che aspettare: la Juventus potrebbe davvero chiudere per Sarri, anche se altre indiscrezioni giunte a IlSussidiario.net continuano a puntare sulla scelta di Guardiola. Staremo a vedere… (agg. di Claudio Franceschini)

SARRI NUOVO ALLENATORE JUVENTUS?

Rimane sempre caldissima la strada che porterebbe Maurizio Sarri a diventare il nuovo allenatore della Juventus nella prossima stagione: eppure le prime vere novità su tale accordo non dovrebbero arrivare prima di domani. Lo abbiamo già detto nei giorni scorsi: oggi l’attenzione in casa dei Blues e quindi dello stesso tecnico è tutta concentrata sulla finale di Europa league che avrà luogo questa sera a Baku. Non sono quindi permesse distrazioni, neppure quando riguardano il proprio futuro prossimo. A ribadirlo ancora una volta è stato poi lo stesso Sarri, che interrogato sulle voci di mercato che lo riguardano, in occasione della conferenza stampa pre partita, ha dichiarato: “Voglio pensare solo alla finale, ho un contratto con il Chelsea per altri due anni. Innanzitutto dovrò parlare con il club, ma non è il momento. Penso alla finale, vogliamo vincere”. Staremo a vedere però se la presenza dello stesso Agnelli a Baku in questi giorni farà da viatico alla chiusura dell’accordo tra Sarri e la Juventus. (agg Michela Colombo)

LITIGIO CON DAVID LUIZ

Maurizio Sarri si avvicina alla Juventus e si allontana sempre di più dal Chelsea. Durante la seduta di rifinitura per la finale di Europa League c’è stato un lungo battibecco con David Luiz. Il centrale brasiliano si era scontrato con Gonzalo Higuain e dopo aver visto un bigliettino ha aperto la polemica con il tecnico. Cosa che a Sarri non è andata giù tanto che ha lasciato il campo su tutte le furie, lanciando e prendendo a calci il suo cappello. Una scena che è stata notata dai presenti e che ha fatto capire come il clima in casa dei Blues sia piuttosto teso. Tutto fa pensare a un divorzio e alla possibilità di vedere il tecnico presto lontano da Londra. La Juventus rimane in ascolto e presto potrebbe concludere l’affare per riportarlo in Italia appena un anno dopo l’addio al Napoli. Il tecnico è molto gradito alla dirigenza, un po’ meno ai tifosi che non riescono a dimenticare il suo passato in azzurro e che lo considerano un passo indietro rispetto al sempre tanto osteggiato Massimiliano allegri. (agg. di Matteo Fantozzi)

AGNELLI A BAKU PER INCONTRARLO

Potrebbe delinearsi con precisione a breve il piano d’azione della dirigenza bianconera per fare di Maurizio Sarri il nuovo allenatore della Juventus nella prossima stagione. Come detto prima, sirene inglesi annunciano un’accordo di massima già raggiunto tra le parti, ma di fatto serve un incontro faccia a faccia tra Sarri e la dirigenza bianconera per definire l’affare. Ecco quindi che a Baku nei prossimo giorni potrebbe accadere di tutto: Sarri sarà infatti nella capitale azera per disputare con il Chelsea la finale di Europa league, mentre il presidente della Juventus non mancherà di presenziare alla finalissima, con l’ovvio obbiettivo di approcciare pure lo stesso allenatore campano. La volontà da parte dei dirigenti bianconeri è di tornare a Torino con un accordo già formato con Chelsea e Sarri: sono quindi tempi ristretti per tutti i protagonisti dell’affare. Secondo poi quanto di legge su La Stampa, già per giovedi è atteso un incontro tra Sarri e la Granovskaia, braccio destro di Abramovich, dove di certo si parlerà a lungo anche del possibile addio del campano. (agg Michela Colombo)

LAMPARD SI ALLONTANA DAL CHELSEA

Come detto prima la pista che porterebbe Sarri ad essere il nuovo allenatore della Juventus è caldissima e anzi pare che già in casa Blues si sta correndo ai ripari. Lo avevamo già annunciato nei giorni scorsi e non è certo una novità che uno dei primi nomi in lizza per occupare la panchina Blues, in caso di partenza del tecnico campano sia quello di Frank Lampard, attualmente manager del Derby County. Il nome certo pare incontrare il favore dei pubblico Blues dati i suoi ampi trascorsi come giocatore, ma anche qui la trattativa non si annuncia semplice. A raffreddare la pista infatti solo poche ore fa è stato lo stesso Lampard che dopo il KO subito dal suo Derby County nello scontro che valeva la promozione in Premier League ( a vantaggio dell’Aston Villa) ha affermato: “Le voci sul Chelsea sono irrilevanti. Ho parlato con Morris (il patron del club) tre giorni fa e ho detto che ci saremmo visti per parlare: qualsiasi rumors in giro è irrilevante”. il Chelsea di certo attenderà la finale di Europa league di domani per fare qualsiasi mossa, ma di fatto Sarri non se ne andrà a Torino prima che gli inglesi abbiano già individuato il suo sostituto. (agg Michela Colombo)

SI ATTENDE LA FINALE DI EUROPA LEAGUE, MA..

Dovremmo attender la finale di Europa League col suo Chelsea per l’annuncio ufficiale ma pare proprio che sarà Maurizio Sarri il nuovo allenatore della Juventus per la stagione 2019-2020. L’ipotesi non è certo nuova e anzi se ne discute da tempo e non solo in casa bianconera: dopo l’addio di Massimiliano Allegri è stato un susseguirsi di nomi sulla panchina della Vecchia Signora. E anche oggi la lista dei candidati alla carica non è certo meno folta (e comprende ad esempio ancora Pep Guardiola): eppure secondo le ultime voci che arrivano dall’Inghilterra pare he sarà proprio Sarri il prossimo allenatore della Juventus. Che la dirigenza bianconera apprezzi il tecnico ex Napoli non è un segreto, ma secondo il Daily Mail e quanto riportano questa mattina dal portale tuttomercatoweb.com, ora le due parti hanno già raggiunto un’intesa di base. Il cammino del ritorno in Italia del tecnico campano è quindi tracciato e dopo la finale di Europa league, prevista solo per domani sera alle ore 21,00 ci attendiamo grandi colpi di scena.

SARRI NUOVO ALLENATORE DELLA JUVENTUS: C’E’ L’INTESA, 3 ANNI A 7 MILIONI

Ecco infatti che secondo il tabloid inglese Sarri e la Juventus abbiano già raggiunto un accordo di base, ma il tecnico del Chelsea deve ancora riferire al suo attuale datore di lavoro. Intanto però l’allenatore campano avrebbe accettato l’offerta da parte della Vecchia Signora di un contratto triennale a 7 milioni di euro a stagione. Nella trattativa poi non sarebbe previsto alcun risarcimento da corrispondere al club inglese. E’ quindi ancora tutto da risolvere il nodo tra Sarri e il Chelsea, visto che lo stesso tecnico avrebbe ancora un anno di contratto coi blues. Pare comunque che tra pochi giorni e in ogni caso dopo la finale di Europa league, Sarri incontrerà Marina Granovskaia, dirigente del club e braccio destro dello stesso Abramovich per discutere anche della sue eventuale permanenza a Londra o partenza verso Torino. Per ora però vi è ottimismo per vedere Sarri come nuovo allenatore della Juventus: vedremo che succederà in questi giorni

© RIPRODUZIONE RISERVATA