Scaglia freccia con messaggio d’amore/ “Cupido” di Crema denunciato, arco sequestrato

- Alessandro Nidi

Freccia con messaggio d’amore contro l’anta della casa della donna amata: sentimento non ricambiato, 34enne denunciato

san_valentino_rosa_amore_pixabay
Immagini di repertorio (foto da Pixabay)

Scagliare una freccia contenente un messaggio d’amore verso la finestra della donna amata può rivelarsi una dichiarazione efficace per conquistarla? L’interrogativo, indubbiamente soggettivo, ha prodotto una risposta negativa nelle scorse ore in Lombardia, dove un 34enne si è reso protagonista di questo gesto, tanto passionale quanto… pericoloso. Sì, perché il ragazzo, a metà tra un moderno Cupido e un Robin Hood vecchia scuola, custodiva nella propria abitazione un arco sportivo e cinque dardi, tre dei quali fabbricati in legno e dalla punta metallica, identici a quello di cui si è servito per recapitare il proprio scritto sentimentale alla ragazza di cui è innamorato.

Si tratta, nello specifico, di una sua coetanea, residente come lui a Crema, in provincia di Cremona, la quale però non ha gradito questo tipo di corteggiamento: secondo a quanto emerso da alcune fonti d’agenzia, la giovane avrebbe già rifiutato più volte in passato l’uomo, che tuttavia non si sarebbe arreso di fronte ai suoi continui “no” e ha proseguito la sua rincorsa verso la conquista del cuore della donna.

FRECCIA D’AMORE IN STILE CUPIDO: DENUNCIATO 34ENNE

Indubbiamente indirizzare una freccia d’amore in direzione della finestra dell’abitazione della propria amata (in questo caso specifico verso l’anta della casa, dove il dardo si è conficcato, ndr) può essere considerata un’idea senza dubbio originale e financo romantica, ma non tutte le persone destinatarie di essa possono reagire positivamente. Tant’è che la donna oggetto di corteggiamento a Crema si è spaventata alla follia e ha deciso di richiedere l’intervento immediato delle forze dell’ordine, in particolare dei carabinieri, con questi ultimi che, come si legge sulle colonne dell’agenzia di stampa Adnkronos, hanno deferito il trentaquattrenne in stato di libertà “per i reati di molestie alle persone e getto pericoloso di cose”. Va sottolineato come tutto il materiale presente nell’abitazione dell’uomo e collegato alla pratica del tiro con l’arco (frecce e arco stesso) è stato posto sotto sequestro dai militari: il tentativo amoroso dell’uomo è, dunque, miseramente fallito, con annessi risvolti giudiziari per lui.



© RIPRODUZIONE RISERVATA