SCENARI/ Cina-Iran, le mire di Pechino si scontrano con la diffidenza di Teheran

- Giuseppe Gagliano

Il rapporto tra Cina e Iran, fondamentale per la fame energetica di Pechino e la Belt and Road, è asimmetrico e conta numerose aree di frizione

iran ayatollah alikhamenei lapresse1280 640x300
Iran, l'ayatollah Ali Khamenei (LaPresse)

Non vi è dubbio alcuno che il recente accordo tra Cina e Iran intensificherà la presenza cinese in Iran: l’accordo infatti consente un approfondimento strutturale della cooperazione in materia di sicurezza, che si tradurrà in esercitazioni militari congiunte nonché in ricerche congiunte nel settore della difesa.

Tuttavia, mentre l’accordo tra i due Stati prefigura se non un’alleanza, almeno un partenariato stabile nella regione, il rapporto bilaterale rimane comunque asimmetrico e subordinato alle contingenze geostrategiche, che sicuramente evolveranno nella regione.

È dall’avvento della Repubblica Islamica nel 1979 che gli interessi comuni tra i due paesi si sono moltiplicati. Gli oppositori dell’egemonia americana e cioè Teheran e Pechino stanno contribuendo all’emergere di un sistema multipolare internazionale, e la potenza rivoluzionaria iraniana è costretta a cooperare con la Cina sin dalla guerra Iran-Iraq. Sensibili alle esplosioni antimperialiste iraniane, le élite cinesi stanno gradualmente vedendo l’Iran come uno dei pochi paesi del Medio oriente non impegnati a favore della legittimazione dell’egemonia americana. La fornitura di armi a Teheran, mentre tutti i paesi occidentali sostenevano Saddam Hussein nel suo sforzo bellico, pose le basi per un rapporto bilaterale che si è allargato gradualmente ad altre aree di cooperazione.

Ancora oggi, gran parte dell’equipaggiamento iraniano proviene dal complesso militare-industriale cinese. Secondo i dati Sipri, tra il 2008 e il 2012 la Cina è stata il principale fornitore di armi di Teheran, nonostante la pressione americana. Nel gennaio 2016, Xi Jinping ha visitato Teheran: la prima visita di un presidente cinese in 14 anni. In tal modo la Repubblica popolare cinese ha elevato il suo rapporto con l’Iran a un partenariato strategico globale, che è il grado più alto di partenariato istituzionale nella diplomazia cinese. Il patto con l’Iran è nato anche con lo scopo di limitare la presenza Usa nel Golfo Persico nel quale lo Stretto di Hormuz è vitale per entrambi i paesi, soprattutto perché la metà delle forniture energetiche cinesi passa attraverso questo corridoio marittimo controllato congiuntamente da Iran e Oman. Mentre la Cina ha un interesse nel salvaguardare la sicurezza dello stretto, Hormuz rimane un oggetto di tensione tra gli Stati Uniti, l’Iran e gli altri Stati che si affacciano sul Golfo Persico.

Oltre agli interessi strategici, l’uscita di società europee per paura di sanzioni extraterritoriali statunitensi ha permesso alla Cina di investire nelle opportunità offerte dal mercato iraniano. Sono stati firmati contratti nei settori delle costruzioni, dell’energia e dei trasporti. Con una popolazione urbana e istruita che raggiungerà i 100 milioni di abitanti entro pochi anni, la Cina ha trovato in Iran un partner duraturo in termini di esportazioni, soprattutto di manufatti. Nel 2014, il commercio bilaterale rappresentava il 44,2% del commercio estero iraniano totale. Questa percentuale ha raggiunto il 60,8% nel 2018. Questa quota, tuttavia, rimane trascurabile nella bilancia commerciale cinese, di cui gli idrocarburi costituiscono la maggior parte delle importazioni. Innanzitutto, è la necessità di garantire i propri approvvigionamenti energetici che spinge Pechino a rafforzare la sua cooperazione con Teheran.

Importatore netto di idrocarburi, i principali fornitori della Cina sono Arabia Saudita, Angola e Iran. Negli ultimi anni sono aumentati gli investimenti cinesi nel settore energetico iraniano. Nel 2011 la China National Petroleum Company ha ottenuto i diritti esclusivi per lo sfruttamento di diversi giacimenti di petrolio e gas iraniani, cosa che non ha mancato di suscitare reazioni da parte di una frangia di riformatori iraniani, che denunciano la dipendenza crescente del proprio Paese nei confronti della Cina.

Per l’Iran, tuttavia, questi investimenti sono essenziali. Questo settore rimane tanto più strategico in quanto è la principale fonte di valuta estera. In un’economia soffocata da decenni dalle sanzioni economiche, gli investimenti cinesi sono uno dei pochi modi per garantire la forza di questo settore strategico. Questo partenariato economico viene rafforzato nel contesto della Belt & Road Initiative, attraverso la quale la Cina si è impegnata a concedere 35 miliardi di dollari di crediti all’Iran. Al centro del sistema di espansione economica della Cina, l’Iran sta già beneficiando dello sviluppo delle infrastrutture di trasporto in Asia. Nel maggio 2018, l’agenzia di stampa statale di Pechino Xinhua ha celebrato l’arrivo a Teheran di 1.150 tonnellate di semi di girasole dalla Cina. Tutta la produzione cinese può ora essere trovata a pochi giorni da Teheran grazie alla infrastruttura ferroviaria.

Il rapporto tra i due paesi, tuttavia, incontra diversi ostacoli. Il primo di questi ostacoli è l’Asia centrale, una regione su cui Teheran ha delle legittime rivendicazioni, a causa dei suoi legami storici e culturali. Al confine della provincia dello Xinjiang, la Cina ha sempre messo in guardia l’Iran da qualsiasi interferenza dannosa ai suoi interessi nella regione. Tanto più che l’Asia centrale è il punto nodale delle ambizioni di espansione economica cinese. Poiché la Cina aumenta i suoi investimenti in quel paese, desidera rendere la questione uigura una condizione insuperabile per l’approfondimento di qualsiasi relazione bilaterale.

Mentre l’Iran sembra per il momento la porta ideale per la Cina sulla scena del Medio oriente, il sostegno di Pechino dipende in gran parte dagli equilibri strategici internazionali. Il contesto di tensione acuito dall’antagonismo dell’amministrazione Trump nei confronti dei due Paesi ha finora consentito ai due Paesi di rafforzare i loro legami di sicurezza. Come in Asia centrale, questo riavvicinamento non è privo di conseguenze per l’Iran. Suscita la sfiducia di alcuni suoi partner, tra cui l’India. Infatti i due paesi hanno firmato un contratto nel 2016 che prevede la costruzione congiunta di una linea ferroviaria tra Chabahar e Zahedan nell’ambito del progetto di sviluppo portuale portato avanti insieme per aprire l’Afghanistan e l’Asia centrale. Infine, l’Iran ha annunciato la sua decisione di costruire da solo questa linea ferroviaria. Mentre i funzionari iraniani affermano che questo non ha nulla a che fare con Pechino, vari analisti indiani tendono a credere il contrario.

La negoziazione dell’Accordo di Vienna aveva consentito al ministero degli Esteri iraniano di aumentare gli scambi con gli Stati europei, in particolare Germania e Francia. Il culmine di questo tumulto diplomatico ha finalmente dato all’Iran libero sfogo per consolidare relazioni politiche ed economiche durature in Europa. Il ritiro del suddetto accordo da parte degli Stati Uniti ne ha ridotto il margine di manovra e l’ha condannato a rivolgersi ancora di più alla Cina. Il rafforzamento di questi legami evidenzia varie questioni di cui i leader iraniani sono consapevoli. In primo luogo, l’afflusso di manufatti cinesi sta mettendo a repentaglio un’industria locale già non competitiva a causa della mancanza di investimenti. In secondo luogo, gli investimenti cinesi nel settore degli idrocarburi sono stati poco sostanziali tra il 2010 e il 2014. Essenziale per il funzionamento di uno stato già in dissesto sotto molti aspetti, l’Iran non ha avuto altra scelta che annullare alcuni contratti. Questa dipendenza dalle esportazioni di petrolio rende la Repubblica islamica ancora più cauta.

I due paesi affermano di voler rafforzare la cooperazione che entrambi considerano chiaramente positiva. Tuttavia è il Dragone a dettare il ritmo di questa alleanza. Per esempio dopo i sospetti espressi dal portavoce del ministero della Salute iraniano sul basso numero di vittime della pandemia di Covid-19 in Cina, i leader iraniani si sono affrettati a rettificare la situazione congratulandosi con Pechino per la sua gestione della crisi sanitaria. Questa relazione asimmetrica non manca però di irritare parte della popolazione iraniana. Mentre alcuni industriali denunciano la concorrenza sleale rappresentata dal crescente arrivo di manufatti cinesi, alcuni riformatori resistono alla crescente influenza della Cina. Già segnato da molteplici fratture, non è improbabile che, come in Asia centrale, l’influenza cinese sarà in futuro oggetto di contestazione nella società civile.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA