SCENARI/ Eurasia e (tanti) affari: la Turchia è già nelle braccia dei cinesi

- Giuseppe Gagliano

La Turchia sta cercando di stringere i rapporti con la Russia e la Cina, dando così corpo all’Eurasismo presente da tempo nel Paese

turchia raid siria erdogan
Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan (LaPresse)

È difficile negare che la Russia prima, ma anche la Cina poi sembrino essere attori con cui Ankara potrebbe stringere legami più forti. Si potrebbe allora spiegare la trasformazione della diplomazia turca attraverso il prisma di un possibile spostamento di asse verso l’Eurasia? Non si tratta ovviamente di immaginare una distopia in cui la Turchia si allea con la Russia e/o la Cina contro l’Occidente, ma cercare di capire quale ruolo intende avere questo Paese a livello internazionale.

Il termine Eurasia (Avrasya in turco) divenne popolare negli ambienti accademici e politici turchi all’inizio degli anni 90, quando le repubbliche di lingua turca dell’Asia centrale ottennero l’indipendenza dopo la caduta dell’Urss. Un esempio è il lancio del canale pubblico TRT-Avrasya nel 1992 per trasmettere programmi destinati ai popoli di lingua turca dell’ex Unione Sovietica. Allo stesso tempo, il mondo accademico turco ha adottato il termine per diverse pubblicazioni che trattano della stessa regione, come Eurasian Dossier (Avrasya Dosyası), Eurasian Studies (Avrasya Etütleri) o per istituti di ricerca, come l’Eurasia Center for Strategic Research (Avrasya Stratejik Araştırma Merkezi).

Fu in questo clima che l’Eurasismo (avrasyacılık) entrò nel vocabolario politico turco. L’Eurasismo, come ideologia pragmatica piuttosto che come dottrina politica dai contorni chiaramente definiti è emerso infatti in Russia mentre quest’ultima cercava di riprendersi dallo shock del crollo dell’Urss. Nel contesto turco, questa corrente politica ha sottolineato che la comparsa di un vasto mondo indipendente di lingua turca sarebbe un’opportunità storica per la Turchia, che otterrebbe così un moltiplicatore di potere nella politica internazionale con un hinterland che si estenderebbe all’Asia orientale.

Possiamo distinguere tre tradizioni nel pensiero politico turco che si ispirano all’eurasismo, ma che non danno lo stesso significato o lo stesso contenuto a questo termine: il movimento ultranazionalista/pan-turkista, gli islamisti/neo-ottomanisti e la sinistra nazionalista. Anche se non è possibile evocare un grande partito politico che ha adottato esplicitamente l’eurasismo come filo conduttore del suo programma, possiamo ancora identificare componenti o riflessioni eurasiste in ciascuna delle correnti poc’anzi indicate.

I postulati fondamentali di queste correnti sono simili nel senso che tutti attribuiscono alla Turchia un ruolo di leadership sulla scena internazionale, sia con i popoli di lingua turca o con il mondo musulmano, sia accanto alla Russia e/o alla Cina come un partner che sarebbe su un piano di parità con loro. La retorica anti-occidentale, il desiderio di rafforzare il potere dello Stato e di unire la nazione attorno a un leader forte che incarnerebbe il destino del Paese rimangono importanti indicatori dell’eurasismo turco. Ad esempio, la determinazione a “liberare il Paese dalle sue catene” affinché la Turchia possa tornare a essere una grande potenza rimane un tema ricorrente nei discorsi del presidente Erdoğan.

Definite ufficialmente strategiche dal 2010, le relazioni tra la Turchia e la Repubblica popolare cinese sono state stabilite nel 1971, ma sono rimaste piuttosto aneddotiche fino agli anni 2000, in altre parole fino a quando la Cina ha iniziato il suo decollo economico. Inoltre, l’aspetto economico resta fondamentale nelle relazioni sino-turche. Il volume degli scambi tra i due Paesi è costantemente aumentato negli ultimi vent’anni: nel 2019, la Repubblica popolare è stata il terzo partner commerciale della Turchia dopo Germania e Russia con un volume di 21 miliardi di dollari.

La Cina acquista principalmente minerali dalla Turchia (marmo, travertino, cromo, rame, ferro, acido borico) e le vende in particolare beni di consumo (elettrodomestici, telefoni cellulari, prodotti tessili). Le autorità turche stanno cercando di incrementare le esportazioni in Cina (soprattutto nel settore agroalimentare) e di attrarre maggiori investimenti cinesi. Il valore cumulato di questi ultimi negli ultimi dieci anni, stimato in 3 miliardi di dollari, resta comunque contenuto, rappresentando meno dell’1% degli investimenti diretti esteri annui. La Turchia, tuttavia, ha bisogno dell’afflusso di investimenti esteri e dipende dai mercati internazionali per rilanciare la sua crescita economica (che si attesta allo 0,9% nel 2019), ma anche per poter pagare la bolletta annuale di 41 miliardi di dollari necessaria per coprire il proprio fabbisogno di idrocarburi, essendo il Paese povero di risorse di petrolio e gas. Inoltre, la Turchia sta attraversando un periodo economico difficile con un tasso di disoccupazione superiore al 13%, un tasso di inflazione del 12% e la lira turca che si deprezza, avendo perso il 16% del suo valore rispetto al dollaro dall’inizio del 2020.

È in questo contesto che Ankara desidera aumentare il suo commercio con Pechino e attirare più investimenti cinesi, in particolare attraverso le nuove Vie della Seta, il progetto di punta del Presidente Xi Jinping. Ricordiamo che Erdoğan ha tenuto a essere presente di persona al primo vertice delle Nuove Vie della Seta a Pechino nel maggio 2017 per affermare la determinazione del suo Paese a partecipare a questo progetto. La Turchia vuole che Pechino includa il cosiddetto “corridoio intermedio” per collegare Cina ed Europa attraverso la Turchia. L’acquisto del terzo porto mercantile della Turchia, Kumport, vicino a Istanbul, nel 2015 da parte di Cosco, l’acquisto del 51% delle azioni del Terzo Ponte sul Bosforo nel 2019 da un consorzio di sei società cinesi, così come il progetto di costruzione da parte di investitori cinesi di una linea ad alta velocità di 1.700 km che attraversa l’intero Paese da est a ovest, collegando le città di Kars ed Edirne, sono tutti presentati come collegamenti nelle Nuove Vie della Seta. Altri importanti progetti di investimento cinesi includono la costruzione della centrale termica Humutlu ad Adana, che prevede di produrre il 4,5% dell’elettricità consumata in Turchia dal 2022, il progetto della terza centrale nucleare del Paese, il cui accordo è stato firmato nel 2016, anche se i lavori non sono ancora iniziati, e l’accordo tra il colosso cinese delle comunicazioni Huawei e Turkcell, principale operatore mobile turco, che mira a installare l’infrastruttura necessaria per il 5G in tutta la Turchia entro il 2021. Inoltre, Huawei ha inaugurato nel 2009 in Turchia il suo secondo più grande centro di ricerca e sviluppo al mondo dopo quelli cinesi. Anche la Turchia è interessata alla tecnologia di sorveglianza cinese, come annunciato dal presidente Erdoğan nel gennaio 2020 al vertice mondiale delle “città intelligenti” tenutosi a Istanbul. Per concludere l’aspetto economico, va notato che anche la Turchia vuole attirare più turisti cinesi in Turchia (430mila visitatori nel 2019), dato che il turismo è un settore chiave in questo Paese mediterraneo.

Oltre alla dimensione commerciale, la Turchia ha fatto altri tentativi per avviare un riavvicinamento più marcato con il partner cinese, in particolare in campo militare e strategico, ma con risultati contrastanti. Se mettiamo da parte la cooperazione sino-turca durante il passaggio della portaerei Varyag nello stretto turco nel 2001, un primo acquisto (anche se di modeste dimensioni) di equipaggiamento militare cinese alla fine degli anni 90, e le esercitazioni aeree congiunte sino-turche nel 2010, è stata la decisione turca di acquisire il sistema di difesa aerea cinese FD-2000 per 3,8 miliardi di dollari nel 2013 che ha causato il flusso di molto inchiostro sul fatto che questa decisione non significherebbe, al di là dell’aspetto commerciale, uno spostamento dell’asse strategico per la Turchia a favore delle potenze eurasiatiche. Non è un caso che nello stesso anno alla Turchia sia stato offerto lo status di partner del dialogo dalla Shanghai Cooperation Organization (Sco). Tuttavia, la Turchia ha dovuto rinunciare all’acquisto sotto la pressione dei suoi partner occidentali dopo due anni di tentennamenti, ma alla fine si è rivolta alla Russia nel 2017 per il sistema antimissile S-400, questa volta facendo orecchie da mercante alle critiche della Nato.

Nonostante le innegabili convergenze e il manifestato desiderio di approfondire il rapporto bilaterale, i fattori che rendono complesso il rapporto non mancano, come per esempio la situazione della minoranza uigura, di lingua turca e musulmana, che vive nella provincia cinese altamente strategica dello Xinjiang. Tuttavia, il rafforzamento di un discorso provocatorio nei confronti dell’Occidente e il graduale allontanamento del Paese dai suoi partner occidentali, sia in termini di valori che di interessi, potrebbero garantire che la componente eurasista nella caleidoscopica identità della Turchia acquisti importanza. La questione di come la Turchia possa riposizionarsi in un mondo multipolare in cui il pendolo oscilla meno verso l’Occidente ci costringe a seguire più da vicino gli sviluppi nelle relazioni turco-cinesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA