SCENARI/ Huawei, comunismo e trattori: così la Cina si è presa Cuba

- Giuseppe Gagliano

Il regime di Cuba è riuscito a spegnere le proteste grazie a internet e ai servizi telefonici. Ma l’infrastruttura di cuba è controllata dalla Cina

cuba protesta 1 lapresse1280 640x300
Proteste a Cuba (LaPresse)

L’11 luglio migliaia di persone in tutta Cuba sono scese in strada, stufe della mancanza di cibo, prodotti di base, medicine e vaccini per combattere il Covid-19. Sono state le prime manifestazioni su larga scala a Cuba dal 1994, e la più grande da quando Fidel Castro ha preso il potere nel 1959. I manifestanti hanno usato i social media per trasmettere al mondo ciò che stava accadendo, ma il regime comunista ha spento Internet e i servizi telefonici.

La chiave per la capacità del regime di farlo era la Cina. Le aziende cinesi hanno svolto un ruolo chiave nella costruzione dell’infrastruttura di telecomunicazioni di Cuba.

Infatti i principali fornitori di tecnologia per Etecsa, l’unica società di accesso a Internet di Cuba, sono tutti cinesi: Huawei, TP-Link e Zte. Un rapporto del 2017 dell’Osservatorio aperto sull’interferenza di rete ha trovato tracce di codice cinese nelle interfacce dei portali Wi-Fi cubani. L’organizzazione svedese Qurium ha scoperto che Cuba utilizza il software di gestione della rete Huawei eSight per aiutare a filtrare le ricerche web. Il ruolo della Cina nell’aiutare il regime a interrompere le comunicazioni durante le proteste ha rivelato uno dei tanti modi in cui Pechino aiuta a mantenere a galla il regime comunista cubano.

Da quando i due paesi hanno stabilito relazioni diplomatiche nel settembre del 1960, le relazioni sino-cubane sono state complicate. Cuba gode dell’unica designazione di “buon fratello, buon compagno, buon amico” della Cina, che riflette la loro comune eredità comunista. Nonostante quel legame comune, tuttavia, la loro relazione è stata complessa; i due erano sui lati opposti della divisione sino-sovietica durante la Guerra fredda e, in alcuni casi, sui lati opposti delle lotte di liberazione nazionale in Africa.

Durante quel periodo, Mao Zedong e Fidel Castro si scontrarono verbalmente sulla supremazia ideologica. Mao accusò Castro, un alleato sovietico, di “revisionismo”, un grave reato all’interno dell’ortodossia comunista. Quando la Cina ridusse le spedizioni di riso a Cuba, Castro la accusò di aderire all’embargo statunitense. Dopo la morte di Mao, Castro ha caratterizzato il defunto leader dicendo che Mao “ha distrutto con i piedi quello che ha fatto con la testa”.

La Cina è stata anche probabilmente scoraggiata nei suoi rapporti con Cuba dalla forte reazione degli Stati Uniti al dispiegamento di missili sovietici a Cuba nel 1961. L’incidente, ben noto in Cina, era un ammonimento che suggeriva che gli Stati Uniti non avrebbero tollerato che la Cina aiutasse Cuba. Ciò avrebbe potenzialmente messo a rischio gli obiettivi più ampi della Cina di costruire uno Stato forte e ricco attraverso rapporti commerciali con gli Stati Uniti, compresa l’interdipendenza finanziaria, gli investimenti delle società occidentali e l’accesso alla tecnologia statunitense.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica e la fine improvvisa degli aiuti sovietici a Cuba, la Cina ha intensificato il sostegno. Funzionari governativi di alto livello cinesi hanno visitato Cuba 22 volte dal 1993. Funzionari di alto livello del governo cubano hanno visitato la Cina 25 volte dal 1995. Durante una visita nell’isola nel 2014, il presidente Xi Jinping ha dichiarato: “I due paesi avanzano di pari passo sulla strada della costruzione del socialismo con le sue caratteristiche, offrendo supporto reciproco su questioni relative ai nostri rispettivi interessi vitali”.

Ebbene, grazie alla sua posizione nei Caraibi, Cuba può esercitare un’influenza sull’approccio marittimo sudorientale agli Stati Uniti, che contiene rotte marittime vitali che conducono ai porti di Miami, New Orleans e Houston. Per questo la Cina potrebbe potenzialmente “bloccare i porti americani senza effettivamente bloccarli”, proprio come le basi e le installazioni navali statunitensi pongono una sfida simile alla Cina intorno allo Stretto di Malacca. L’influenza di Cuba nei Caraibi rende l’isola anche un utile proxy attraverso il quale Pechino può fare pressione sui 4 paesi della regione (sui 15 totali a livello globale) che riconoscono Taiwan affinché cambino il loro punto di vista.

La Cina aiuta a sostenere il regime attraverso l’impegno economico. È il più grande partner commerciale di Cuba, secondo il ministero degli Esteri cinese, ed è la più grande fonte di assistenza tecnica di Cuba. Le importazioni cinesi da Cuba inizialmente si sono concentrate su zucchero e nichel, incluso un investimento cinese proposto di 500 milioni di dollari nell’industria del nichel di Cuba che alla fine è fallito. La società cinese Greatwall Drilling ha anche collaborato con la compagnia petrolifera nazionale cubana, Cupet, nell’estrazione di petrolio vicino a Pinar del Rio, anche se un progetto da 6 miliardi di dollari per aggiornare la raffineria di petrolio di Cienfuegos non è mai stato realizzato.

Quando gli Stati Uniti hanno iniziato ad aprirsi a Cuba sotto l’amministrazione Obama nel 2014, la Cina ha riconosciuto il potenziale per una relazione più solida con Cuba e ha cercato di recuperare il ritardo. Le aziende cinesi si sono assicurate un progetto per espandere il terminal container di Santiago di Cuba, finanziato da un prestito bancario cinese di 120 milioni di dollari. Le aziende biofarmaceutiche cinesi hanno avviato operazioni nella Mariel Free Trade Zone di Cuba. La Cina ha persino creato un centro di intelligenza artificiale sull’isola.

Nel novembre del 2018, Cuba ha aderito alla Belt and Road Initiative della Cina. Nel settore agricolo, le aziende cinesi stanno aumentando la produzione di zucchero e riso, migliorando l’irrigazione per aumentare i raccolti e fornendo trattori per arare i campi cubani. La Beijing Enterprises Holdings sta costruendo un golf resort da 460 milioni di dollari sull’isola.

L’influenza cinese sull’isola non finisce qui. I cubani ora viaggiano con auto di Geely, camion di SinoTruck e autobus di Yutong. La società Haier vende elettrodomestici ed elettronica a Cuba, compresa la creazione di un impianto di assemblaggio di computer e di un impianto di ricerca sulle energie rinnovabili sull’isola. La provincia cinese di Jilin e la città di Changchun hanno rapporti di cooperazione con aziende biofarmaceutiche cubane. Cuba è stata una delle prime destinazioni ufficiali per la formazione in lingua spagnola del personale cinese nell’emisfero. Reciprocamente, l’Università dell’Avana è stato uno dei primi Istituti Confucio istituiti dalla Cina nella regione. E i due mantengono stretti rapporti di difesa, comprese visite regolari istituzionali e di alti dirigenti. La Cina, tuttavia, non ha venduto a Cuba alcun sistema d’arma significativo, come ha fatto con altri Stati della regione come Venezuela, Ecuador e Bolivia.

I contributi della Cina allo sviluppo delle telecomunicazioni di Cuba sono stati “fermi come una roccia nel mezzo del flusso”. Il cavo sottomarino cubano Alba–1 che collega l’architettura delle telecomunicazioni dell’isola al Sudamerica attraverso il Venezuela è stato parzialmente finanziato e costruito da società cinesi. Nel 2000, il governo cubano ha firmato un contratto con Huawei per l’installazione di cavi in fibra ottica in tutta l’isola. Negli ultimi anni, come notato in precedenza, aziende cinesi come Huawei, Zte e TP-Link hanno ulteriormente consolidato il loro ruolo cruciale nella fornitura di Internet a Cuba, inclusi hotspot, telefoni e altre infrastrutture in tutta l’isola, la stessa infrastruttura che il regime ha oscurato in occasione delle proteste del mese scorso.

Questo è solo un esempio della Cina che esporta “autoritarismo digitale” verso regimi illiberali in tutta la regione. In Venezuela, la società di telecomunicazioni cinese Zte ha aiutato il regime di Maduro a stabilire il sistema della “carta d’identità della patria”, che ha usato per controllare non solo il voto, ma la distribuzione di pacchi di cibo scarsi (le famose scatole “Clap”) e, più recentemente, vaccini anti-Covid. Allo stesso modo, nel 2020, l’Ufficio per il controllo delle attività estere del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato la China National Electronics Import and Export Corporation per aver sostenuto gli sforzi del regime di Maduro per condurre operazioni di sorveglianza digitale e cibernetiche contro gli oppositori politici.

Cuba potrebbe anche essere un’area dalla quale la Cina potrebbe raccogliere informazioni e condurre attacchi informatici contro gli Stati Uniti. Attualmente, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sta indagando sui membri del ministero della Sicurezza dello Stato cinese per aver sponsorizzato il crimine informatico e altre attività informatiche, incluso il recente attacco informatico di Microsoft, che mette a nudo le intenzioni maligne della Cina contro gli Stati Uniti nel cyberspazio.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

 





© RIPRODUZIONE RISERVATA