GENETICA/ I tibetani hanno un fisico super. Ecco perché

- La Redazione

Nel fisico delle popolazioni tibetani dieci geni che permettono di vivere a lungo senza ammalarsi

tibetani_R375

Dieci geni presenti nel fisico permettono ai tibetani di vivere più a lungo delle altre popolazioni e di evitare patologie che minano il corpo. Soprattutto ad altitudini dove la maggior parte delle persone si ammalerebbe. E’ il risultato di uno studio pubblicato dalla rivista americana “Science” dell’Università dello Utah. I ricercatori americani insieme a colleghi cinesi, hanno studiato il dna di 75 tibetani che vivono a circa 4600 metri dal livello del mare. Hanno così potuto constatare l’esistenza di 10 geni importanti per la respirazione in carenza d’ossigeno. Due di essi potrebbero essere coinvolti nella sintesi di un’emoglobina più efficace a catturare ossigeno e a trasferirlo al corpo.

Già qualche tempo fa dei ricercatori italiani avevano fatto importanti scoperte in tal senso. Cioè che nel fisico dei tibetani esiste un meccanismo che neutralizza i radicali liberi prima che questi possano danneggiare le cellule. Questo permette loro di vivere fino a tarda età con una longevità superiore alla nostra, e di avere una forma fisica sorprendente e super tonica. Soprattutto in condizioni di vita dove npi occidentali ci ammaleremmo quasi subito. “In collaborazione con studiosi inglesi, svizzeri e nepalesi” spiegò allora Paolo Cerretelli, dell’Istituto di tecnologie biomediche “è stata effettuata un’indagine sul proteoma del muscolo di tibetani di alta quota e su tibetani e altri individui asiatici di controllo, tutti nati a bassa quota”.

 CLICCA SUL PULSANTE QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO

– In conclusione: “I risultati ottenuti sono stati sorprendenti: nei muscoli dei tibetani di alta quota sono stati rilevati uno scarso accumulo di lipofuscina, una sostanza che è espressione del danno arrecato dai radicali liberi alle strutture cellulari dell’organismo, e un significativo aumento di proteine a elevata azione antiossidante”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori