TUMORI/ Melanoma, scoperte le cellule zero che lo originano. La cura al melanoma, ora, è più vicina

- La Redazione

Il melanoma è originato da particolari “cellule zero”. Le cellule zero che originano il melanoma sono particolari cellule staminali indifferenziate che rendono la lotta al melanoma particolarmente ardua.

cellulememoriR375_24ago09

Il melanoma è originato da particolari “cellule zero”. Le cellule zero che originano il melanoma sono particolari cellule staminali indifferenziate che rendono la lotta al melanoma particolarmente ardua. Le cellule zero del melanoma sono state scoperte da un gruppo di scienziati della Stanford University School of Medicine in California

E’ stato scoperto il motivo per il quale il melanoma, il tumore della pelle, è così difficile da combattere. Secondo uno studio realizzato dalla Stanford University School of Medicine in California, risiederebbe nella cellule che lo originano, le cosiddette “cellule zero”, staminali differenti da quelle tumorali più comuni e immuni alle tradizionali cure. Secondo gli scienziati Alexander Boiko e Irving Weissman, la cui ricerca è stata pubblicata su Nature, lo studio condotto potrebbe consentire una lotta più efficace. Le cellule zero sono staminali indifferenziate che si trovano all’interno del tumore, e lo fanno crescere o riprodurre una volta eliminato. Quelle del melanoma, come è stato scoperto, possiedono tratti distintivi che no erano contemplati dalle cure tradizionali.

Leggi anche: MEDICINA/ Dejana (IFOM): vi spiego come metteremo argini all’ “esondazione” dei tumori, di D. Banfi

Leggi anche: MALARIA/ La malattia dimenticata che colpisce 500 milioni di persone all’anno, di D. Banfi

«La scoperta di queste staminali permetterà di studiare nuove terapie testandole sulla resistenza di queste cellule», ha spiegato il dermatologo Giulio Franceschini, direttore sanitario del Villa Salus Medical Skin & Antiaging Center. «non dobbiamo pensare – ha, tuttavia, aggiunto – che la cura sia dietro l’angolo, ma senza dubbio è molto più vicina di ieri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori