NOTTE DI SAN LORENZO/ Stelle cadenti, dove andare per vederle meglio?

- La Redazione

I posti migliori e i consigli per dove andare a vedere le stelle cadenti della notte di San Lorenzo

stellecadenti_R375

Per vedere le stelle cadenti della notte di San Lorenzo, il prossimo 10 agosto, ecco alcuni consigli. Innanzitutto, sebbene la notte “magica” sia per definizione appunto quella di San Lorenzo tra il 10 e l’11 di agosto, ricordiamo che il picco di visibilità sarà nelle notti del 12 e 13 agosto. Ovviamente, in queste notti di stelle cadenti bisognerà trovarsi fuori città, affinché le luci artificiali non schiariscano troppo la volta celeste impedendo la visibilità.

Il posto ideale è la montagna, possibilmente sui 2mila metri, tenendo conto che alcune meteoriti arrivano a disintegrarsi anche a soli 20mila metri dalla superficie terrestre. Ma anche una spiaggia, priva di illuminazioni e di falò farà al caso vostro per offrire uno scenario indimenticabile. Per osservare al meglio lo spettacolo aspettare il tramonto della luna, dopo mezzanotte, e guardare a nord nord-est, fra la costellazione di Cassiopea, a forma di W, e quella di Perseo. Quest’anno poi la luna non ci sarà, perciò il cielo sarà ancora più scuro e le stelle maggiormente visibili.

La luna nuova arriva infatti proprio il 10 agosto. Il massimo dello sciame, come di consueto, si situa nella seconda parte della notte 12-13 Agosto quando il radiante (costellazione di Perseo) sorgerà a Nord-Est. Ed ecco alcuni ottimi osservatori dove possibile recarsi. A Pian di Rosa, in Val d’Aosta, l’osservatorio naturale a circa 3.500 metri di altezza. Quindi il Passo del Giovà sull’Appennino ligure, la cittadina di Perinaldo nella provincia di Imperia, detta anche “poggio delle stelle” e in cui sorge proprio un osservatorio astronomico.

Un altro ottimo osservatorio naturale è quello di Campo Imperatore sul Gran Sasso, circa 2mila metri di altitudine, in provincia de L’Aquila. Nel sud Italia un posto consigliato è Serra La Nave, vicino all’Etna. A Roma infine iniziative particolari, poco scientifiche e molto turistiche. La sera di martedì 10 agosto si potrà contemplare la volta celeste con passeggiate, degustazioni, brindisi, concerti e spettacoli a partire dal Planetario, in compagnia dell’astronomo Giangiacomo Gandolfi con lo spettacolo “Quando cadono le stelle”. Da segnarsi una visita alla Festa Patronale di Tor San Lorenzo nel comune di Ardea: tre giorni di festa con mostre, giochi e spettacoli, tle spiagge e i stabilimenti del litorale si organizzeranno per intrattenere i cacciatori di comete, dalla disco on the beach del Settimo Cancello Village, alla serata del Singita di Fregane tra telescopi sulla spiaggia, cartomanti, candele a buffet esotico.

Nei Castelli di Roma, nell’anno Internazionale dell’Astronomia, a 400 anni da quando Galileo puntò il cannocchiale verso il firmamento, l’Associazione Tuscolana di Astronomia chiuderà le “Serate Galileiane” con un brindisi nella notte di San Lorenzo in concomitanza con i “Calici di Stelle” che le cantine del Movimeto Turismo del vino e le piazze delle Città del vino accoglieranno sotto il tetto di stelle d’Italia da Nord a Sud, isole comprese, anche nel Lazio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori