CALVIZIE/ Forse scoperta la vera causa, le staminali dormienti

- La Redazione

Individuata la causa della calvizie secondo uno studio americano

calvizie_R400

Sarebbero le staminali dormienti a causare la calvizie. Un cattivo funzionamento delle cellule del follicolo pilifero. Uno studio americano pubblicato dal Journal of Clinical Investigation sostiene che le cellule staminali dei follicoli che si trovano sul capo non sono operativi, cioè sono come “addormentate”.

Per gli studiosi della università della Pennsylvania di Philadelphia è dunque la mancanza di attività dei follicoli che non riuscendo a trasformarsi in cellule mature determinano la alopecia androgenetica, cioè la calvizie. “Con nostra sorpresa – dice i direttore dello studio – abbiamo capito che il numero di cellule staminali è lo stesso sia nel cuoio capelluto calvo che in altre zone, ma c’è invece una differenza nella consistenza di un tipo specifico di cellule, le progenitrici. Ciò vuol dire che esiste un problema di attivazione a livello di cellule staminali, quando si deve avviare la conversione in progenitrici nel cuoio capelluto calvo. Tuttavia, il fatto che ci sia un numero normale di cellule staminali anche nel cuoio capelluto calvo ci dà speranza che sia possibile ‘riattivarle’ e individuare nuovi trattamenti contro l’alopecia”.

Sono stati analizzati campioni di cuoio capelluto da persone calve e non calve, tra i 40 e i 65 anni. E’ dunque un problema di attivazione di cellule staminali e non il numero di staminali presenti nei follicoli. Se confermato, si potrebbe procedere all’individuazione di una lozione in grado di attivare l’attività delle staminali. In Italia sono colpiti da calvizie circa umidicci milioni di persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori