Lo sbarco sulla Luna e la teoria del complotto/ La Nasa vuole tornaci entro 10 anni

Lo sbarco sulla Luna e la teoria del complotto: la lunga storia sul falso allunaggio, mentre la Nasa prepara il ritorno entro 10 anni…

15.03.2019 - Silvana Palazzo
armstrong_luna_r439
Foto InfoPhoto

Tra le teorie del complotto più famose c’è senza dubbio quella del finto atterraggio sulla Luna, chiamata anche del “falso allunaggio”. C’è chi ha parlato di una messa in scena con un preciso scopo politico. Per quanto assurda possa sembrare, ci sono molte persone che ci credono. C’è pure un documentario, “American Moon”, che sostiene questa tesi arrivando all’inequivocabile conclusione che tutta la Missione Apollo sia piena di trucchi e menzogne che nascondono aspetti importanti. Le versioni sono diverse, ma tutte sono state smontate. Le prime idee complottiste riguardo lo sbarco sulla Luna circolavano già al momento dello sbarco. Molte persone si dichiararono da subito scettiche, come spiegato dallo storico Roger D. Launius. Altre andarono oltre la semplice negazione e cominciarono a tessere la trama della teoria. Poi arrivò un libro in cui veniva data per la prima volta una forma definitiva alla teoria del complotto. Bill Kaysing raccolse le argomentazioni più conosciute aggiungendoci retroscena e spy story. Quindi sono arrivati i mezzi di informazione a dare spazio alla teoria del complotto lunare, rilanciata poi da Internet.

LO SBARCO SULLA LUNA E LA TEORIA DEL COMPLOTTO

L’uomo non è mai stato sulla Luna e le prove degli allunaggi sarebbero state falsificate dalla Nasa, con la complicità del governo degli Stati Uniti, all’epoca in competizione con l’Urss per la “conquista dello spazio” durante la guerra fredda. Questa è in sintesi la teoria del complotto lunare, secondo cui le immagini sarebbero state realizzate ad hoc in uno studio con l’ausilio degli effetti speciali. Secondo altri l’allunaggio sarebbe stato inscenato per distrarre gli americani dalla guerra del Vietnam. C’è chi sostiene che la Nasa abbia inscenato tutto per paura di perdere il budget che le era stato assegnato, e che ammontava allora a 30 miliardi di dollari. Esistono dunque diverse versioni della teoria. Una sostiene che la Nasa, non essendosi ripresa velocemente dall’incidente dell’Apollo 1, per non rischiare nuove perdite inscenò il falso allunaggio. In parallelo si è sviluppata un’altra teoria, quella secondo cui lo sbarco umano sulla Luna c’è stato veramente, ma la Nasa avrebbe diffuso false fotografie. Il fotografo francese Philippe Lheureux riteneva che ciò fosse legato alla necessità di impedire che altre nazioni potessero trarre beneficio dalle informazioni scientifiche deducibili dalle vere fotografie. Invece l’ingegnere William L. Brian ritiene che le vere scoperte degli astronauti siano state tenute nascoste. La Nasa dal canto suo nel 2002 commissionò a James Oberg un libro che smentisse punto per punto i complottisti, ma poi cancellò la commessa per le lamentele di chi vedeva in questa azione una legittimazione di quelle accuse. L’Ente spaziale americano ha smontato una volta per tutte le presunte “prove” dei complottisti pubblicando le immagini a più alta risoluzione mai realizzate che mostrano i resti dei moduli di atterraggio, le strumentazioni e i percorsi effettuati dagli astronauti di tre missioni. Credete che basti? Intanto la Nasa prepara il ritorno…



© RIPRODUZIONE RISERVATA