CONCORSO STRAORDINARIO SCUOLA 22 OTTOBRE/ Miur annuncia:”Presto Protocollo sicurezza”

- Davide Giancristofaro Alberti

Scuola, concorso straordinario il 22 ottobre: c’è la data per “l’esamone” che andrà avanti fino alla metà di novembre. In totale verranno assegnate 32mila cattedre

concorso scuola 2020
Immagine di repertorio (Foto: LaPresse)

Per rispondere alle perplessità sulle tempistiche del concorso straordinario della scuola, comprese quelle all’interno della stessa maggioranza, il Miur si appresta a varare un apposito Protocollo di sicurezza a tutela dei docenti. In una nota apparsa sul proprio portale, il ministero guidato da Lucia Azzolina ha infatti annunciato di aver “lavorato nelle scorse settimane per garantire la distribuzione dei candidati nelle aule per tutto il territorio nazionale, procedendo al reperimento di tutte le postazioni necessarie. Ciò eviterà qualsiasi forma di assembramento dei candidati“. Si precisa dunque che “nei prossimi giorni sarà altresì emanato un apposito Protocollo, finalizzato ad assicurare lo svolgimento in assoluta sicurezza delle prove“. Basteranno queste assicurazioni a placare il dibattito politico sullo svolgimento del concorso straordinario docenti per la scuola secondaria di I e II grado? (agg. di Dario D’Angelo)

CONCORSO STRAORDINARIO SCUOLA, PD E LEGA CONTRO M5S

Prosegue il dibattito politico sul Concorso straordinario Scuola. Il Movimento 5 Stelle non ha intenzione di fare passi indietro sulla data del 22 ottobre, ma i grillini devono fare i conti con la riluttanza del Partito Democratico, ma non solo. Anche la Lega, infatti, è pronta a fare barricate, queste le parole del leader Matteo Salvini: «Scuola, ribadisco la proposta formale della Lega: NO a concorsi in un periodo delicato come questo, con rischi per la salute e con migliaia di cattedre ancora vuote, SÌ alla STABILIZZAZIONE delle migliaia di precari che insegnano già da anni». L’ex ministro dell’Interno ha poi chiamato i dem a sfiduciare la titolare del Miur: «Se il Pd è coerente riconoscendo che il ministro Azzolina sta facendo disastri su disastri, voti la nostra mozione di sfiducia per mandarla a casa». (Aggiornamento di MB)

CONCORSO STRAORDINARIO SCUOLA, PD CONTRARIO

Il concorso straordinario della scuola si farà. Parola della ministra Lucia Azzolina, che ha assicurato: “Domani (oggi, ndr) escono le date in Gazzetta Ufficiale“. Il 22 ottobre, come anticipato da La Repubblica, partirà la prova scritta per i docenti delle medie e delle superiori con almeno tre anni di servizio svolti dal 2008 ad oggi: un appuntamento attesissimo, dopo mesi di polemiche, che mette in palio 32mila posti e per il quale ci sono state oltre 64mila domande. Il concorso è stato fino a poche ore fa oggetto di uno scontro tutto interno alla maggioranza, in particolare fra Pd e M5s. Ad esporre le perplessità dei dem è stata Camilla Sgambato, responsabile scuola del Partito, che ha dichiarato: “Farlo ora significa stressare le scuole, che verranno private di molti docenti, i quali andranno a sostenere le prove del concorso. Avremmo preferito farlo a ridosso delle vacanze di Natale; fino alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ogni ripensamento è possibile, la decisione spetta al ministero dell’Istruzione“. A quanto pare, però, Azzolina sembra intenzionata ad andare dritta per la sua strada. (agg. di Dario D’Angelo)

SCUOLA, CONCORSO STRAORDINARIO IL 22 OTTOBRE

Il prossimo 22 ottobre si terra il concorso nella scuola, la selezione straordinaria da 32mila posti per i precari con tre anni di servizio. Nonostante l’epidemia di coronavirus, quindi, proseguono i concorsi per assumere i nuovi insegnanti, e subito dopo toccherà agli ordinari per l’infanzia/primaria, poi le secondarie di I/II grado, per un totale di 46mila cattedre complessive, come ricorda IlSole24Ore.it. Obiettivo, chiudere tutte le selezioni entro il 2020, di modo che per l’anno prossimo vi siano quanti più prof possibili. Tornando al concorso del prossimo 22 ottobre, la ministra Azzolina avrebbe voluto svolgerlo già in estate, ma i sindacati e parte della maggioranza hanno invece fatto pressione, posticipandolo in autunno in vista di una situazione epidemiologica migliore: peccato però si sia rivelato il contrario. Il concorso della scuola partirà il 22 del prossimo mese e si andrà avanti almeno fino alla metà di novembre, e per “esaminare” i 64mila candidati previsti verranno utilizzate le sale informatiche delle varie scuole, ma anche le aule delle università che hanno offerto la propria collaborazione.

SCUOLA, CONCORSO STRAORDINARIO: LE MISURE DI SICUREZZA PREVISTE

Ovviamente nei vari locali dove verrà svolto il concorso della scuola, sarà garantito il distanziamento, ed inoltre verrà misurata la temperatura corporea con i termoscanner: chi ha 37.5 gradi, o una sintomatologia respiratoria, non entra. Ovviamente vietato il concorso della scuola alle persone in isolamento, e queste non potranno svolgere alcuna prova suppletiva. La prova sarà unica, si svolgerà al computer, e non sarà più un test a crocette come in precedenza, ma un quiz con risposte aperte, con 5 domande per accertare le competenze disciplinari e didattiche, e una sesta in lingua inglese. L’esame durerà 150 minuti, e per superarlo servirà ottenere un voto di almeno 7/10. Dopo gli esiti verranno formate le graduatorie regionali che serviranno poi per assegnare 32mila cattedre di medie e superiori. Secondo IlSole24Ore.it, è possibile che coloro che passeranno il concorso avranno un incarico a settembre 2021.

© RIPRODUZIONE RISERVATA