Scuola, decreto Tfa sostegno: novità Miur/ Date prove, requisiti e riapertura termini

- Niccolò Magnani

Decreto Tfa sostegno scuola, le modifiche rispetto al dm 8 febbraio 2019: riaperti bandi, date prove e requisiti principali

Test università
Università (LaPresse)

Il 7 agosto scorso il Miur ha emanato il Decreto Interministeriale n.90 in merito alle disposizioni concernenti sulle prove di accesso ai percorsi di specializzazione sul sostegno agli alunni con disabilità: l’apertura del Tfa per i ruoli di sostegno a scuola ha smosso una situazione da mesi “fibrillante” per mancanza di chiarezza da un lato e per l’emergenza Covid-19 che ha resto tutti i dossier sul mondo scuola inevitabilmente più complicati. In quel decreto emanato prima dell’ultimo CdM (che ha dato il via alle immissioni in ruolo e assunzioni dei docenti), sono state cambiate le prove di accesso ai percorsi di specializzazioni sul sostegno oltre a diverse altre novità apportate dai Ministri Azzolina (Miur) e Manfredi (Università) rispetto al dm n. 92 dell’08 febbraio 2019. Come sottolineato dal focus di Orizzonte Scuola e di altri portali specializzati, il Decreto modifica l’articolo 4 del Decreto MIUR 8 febbraio 2019, n. 92 trasformando di fatto la prova “preliminare” in prova “preselettiva”: questo significa che il punteggio del test preselettivo non verrà computato ai fini della predisposizione della graduatoria degli ammessi al corso.

LE DATE DELLE PROVE D’ESAME

Dopo il comma 3 del decreto sul Tfa sostegno, viene inserito il comma 3-bis: «Accedono direttamente alle prove di cui all’articolo 6 comma 2, lettera b) del “D.M. Sostegno”, ai sensi dell’articolo 2, comma 8 del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 22, convertito con modificazioni dalla legge 6 giugno 2020, n. 41 i soggetti che nei dieci anni scolastici precedenti abbiano svolto almeno tre annualità di servizio, anche non consecutive, valutabili come tali ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124». La seguente novità riguarda invece la graduatoria degli ammessi ai corsi: «è formata, nei limiti dei posti messi a bando, sommando i risultati delle prove di cui all’articolo 6 comma 2, lettere b) e c) del “D.M. Sostegno”, purché superate ciascuna col conseguimento di una valutazione non inferiore a 21/30, al punteggio attribuito all’esito della valutazione dei titoli di cui al comma 8 del medesimo decreto». In caso di parità di punteggio prevale il candidato che ha maggiore anzianità di servizio di insegnamento sul sostegno nelle scuole: per queste e per altre novità sottolineato dal focus di Orizzonte Scuola (qui il link) le Università hanno riaperto i termini dei bandi per un periodo non inferiore a 14 giorni. Le date di svolgimento per la prova preselettiva si terranno il 22 settembre per la prove scuola infanzia; 24 settembre 2020 prove scuola primaria; 29 settembre 2020 prove scuola secondaria di I grado; 1 ottobre 2020 prove scuola secondaria di II grado. I corsi del Tfa si concluderanno entro il 16 luglio 2021: il decreto infine fissa le 3 prove in test preselettivo; prova scritta; prova orale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA