SCUOLA, LA MINISTRA LUCIA AZZOLINA/ “L’anno scolastico non sarà più lungo”

- Fabio Belli

Scuola, parla la ministra Azzolina: “Anno scolastico non sarà più lungo”. In un’intervista a La7 gli ultimi aggiornamenti su ripresa della didattica ed esame di Stato.

Lucia Azzolina
Lucia Azzolina, Ministro Miur (LaPresse, 2020)

La ministra Lucia Azzolina, in una intervista rilasciata a La7, ha cercato di chiarire le idee sulla situazione relativa alla scuola e su tutto ciò che concerne la sospensione della didattica. C’è grande incertezza su quando le lezioni potranno ripartire, ma sul tema la Ministra è stata perentoria: “Le scuole riapriranno quando avremo certezza che il quadro epidemiologico ci permetta di mandare i nostri ragazzi a scuola nella massima sicurezza. Ci sono studenti e docenti che stanno facendo più di quello che facevano in classe. Quindi direi al momento che né l’anno si allungherà né altro. Non parliamo di 6 politico a scuola.” Dunque tenderebbe ad essere escluso un prolungamento fino ai mesi estivi di cui si era vociferato in particolare nelle ultime ore. Non ci sarebbero i tempi tecnici e dunque la didattica a distanza e le lezioni telematiche dovrebbero essere ritenuti sufficienti, anche se non tutti gli istituti stanno portando avanti questo tipo di soluzione. Ma il vero nodo da sciogliere rischia di essere un altro.

ESAME DI STATO, CHE FARE?

L’esame di Stato, la maturità che ogni anno migliaia di studenti attendono con ansia, rischia di essere pesantemente condizionato dall’emergenza coronavirus e dalla lunga pausa che l’attività scolastica sta scontando. Nell’intervista a La7, la ministra Azzolina ha preso tempo sul tema: “L’esame di stato è uno degli aspetti più delicati. Io sto prospettando al ministero dell’Istruzione diversi scenari in base a quando le scuole si riapriranno l’esame sarà serio ma terrà in considerazione il momento di emergenza che stiamo vivendo, nelle prossime settimane daremo informazioni. Sarà tarato sulla base degli apprendimenti che gli studenti avranno raggiunto.” Dunque ci potrebbero essere presto importanti novità sul tema, la didattica a distanza si sta rivelando una carta importante ma l’idea di svolgere allo stesso modo anche l’esame di maturità non convince appieno il Ministero, che nelle prossime settimane metterà a punto i particolari di quello che dovrà essere il recupero dell’ultima parte dell’anno scolastico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA